Tifosi allo stadio, Agnelli: «Mi mancano. Un conto al calcetto il giovedì…»

© foto www.imagephotoagency.it

Andrea Agnelli ha parlato dei tifosi allo stadio nella conferenza stampa post assemblea degli azionisti Juventus 2020

In conferenza stampa dopo l’assemblea degli azionisti Juventus 2020, Andrea Agnelli si è soffermato così sull’assenza dei tifosi allo stadio.

RICHIESTE PARTICOLARI – «Non ne abbiamo, in tutt’Europa il problema riguarda gli stadi, l’apertura e l’aumento degli spettatori bisogna che sia fatto con massima responsabilità. Nei panni dei regolatori, è difficile dare una direzione univoca per situazioni che vanno da Malta all’Islanda, o da Bolzano a Catania. Sono situazioni di diffusioni del virus diverse e l’indicazione che va data è un minimo di mille persone. Ci sono poi impianti diversi che possono accogliere più persone con lo stesso livello di sicurezza. Il nostro compito è quello di attenerci alle disposizioni date. Se abbiamo dei professionisti che lavorano sul possibile aumento di persone allo Stadium, lo facciamo e poi lo mettiamo a disposizione della Lega. Quella è una voce che a tutti i club manca. Dobbiamo avere anche noi la sensibilità che ci viene data per tutelare la situazione. Mi mancano i tifosi, ai dirigenti, allo staff, ai calciatori perché un conto è performare al calcetto del giovedì e un altro è con i giocatori che manifestano la loro passione».

LEGGI ANCHE: LA CONFERENZA STAMPA INTEGRALE DI AGNELLI

Condividi