Allegri: «Kean? Chi si accontenta si perde, deve rimanere costante»

kean
© foto www.imagephotoagency.it

Il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, ha parlato della gestione di Moise Kean. Di seguito le sue parole

Durante la conferenza stampa, il tecnico bianconero Massimiliano Allegri si è soffermato sulla gestione del giovane Moise Kean. Evidenziando come sia necessaria la costanza per arrivare ai grandi risultati. Di seguito le sue parole

LA GESTIONE DI KEAN – «È una gestione semplice di un ragazzo di 19 anni. La carriera è lunga, ci saranno momenti in cui le cose andranno meno bene. In quei momenti lì deve rimanere sereno. Segna in Nazionale e con la Juventus, è normale poi che possa perdere la realtà che è ben diversa da quelli che dicono gli allenamenti. Deve venire tutti i giorni al campo, migliorarsi quotidianamente. È una sfida che ognuno di loro deve avere, altrimenti chi si accontenta si perde. Quanti casi ne sono successi nel calcio? Altrimenti tutti diventerebbero Messi o Ronaldo. La differenza la fa la testa perché, oltre al divertimento, bisogna giocare a calcio e lavorare. A perdersi si fa presto. Kean mi auguro che abbia la testa e chi lo gestisce lo aiuti a capire. Io dico sempre ‘Aiutati che Dio ti aiuta’. Al momento è migliorato sotto quell’aspetto lì, però bisogna vedere in futuro».