Birindelli: «L’Ajax ha meritato. Con Ronaldo la Juve voleva arrivare in fondo»

© foto www.imagephotoagency.it

Alessandro Birindelli ha commentato la sconfitta di ieri sera della Juve contro l’Ajax in Champions League

Ai microfoni di ViolaNews, Alessandro Birindelli ha analizzato Juve Ajax, toccando tanti temi legati alla serata di Champions. Di seguito riportate le sue parole.

LA JUVE – «Avevo visto che era sottotono ultimamente, la squadra si è trovata nel clou della stagione con molti uomini chiave infortunati. Le condizioni non erano delle migliori, ma vanno i complimenti all’Ajax che ha meritato. Hanno dominato mettendo in campo la sfrontatezza e la forza dei giovani. Il passaggio del turno è meritato».

MODELLO AJAX – «È necessario fare una rivoluzione partendo dal basso. Loro crescono i campioni in casa, li aspettano e li coccolano. Prima di tutto individuano il talento, poi lo allevano e lo trasformano in giocatore. Finisce che portano in prima squadra giocatori pronti. Prima di tutto lavorano nelle categorie inferiori, quelle che si vedono meno».

DELUSIONE – «Conosco bene l’ambiente, adesso c’è più rammarico per l’uscita dalla Champions che gioia per la possibilità di festeggiare lo Scudetto. Nessuno lo diceva ma c’era la volontà di arrivare in fondo come priorità. L’acquisto di Cristiano Ronaldo spiegava proprio questo. Sono convinto che sabato ci saranno degli strascichi».

SFOTTO’ – «Ma è normale che sia così, anzi è bello. L’importante è che tutto rimanga all’interno della civiltà. Ricordo tanti episodi divertenti coi tifosi viola, sono toscano anche io e so che con le parole sanno divertirsi».