Connettiti con noi

Calciomercato Juve

Buffon-Roma e quella chiamata di Moggi: «Ma dove c***o vai?». Retroscena

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Buffon Roma e quella chiamata di Moggi: «Ma dove c***o vai?». Retroscena sul trasferimento del portiere dal Parma alla Juve

Il nuovo libro di Gianluca Di Marzio Grand Hotel Calciomercato Almanacco 2021/22” racconta un incredibile retroscena di mercato su Gigi Buffon riportato oggi sul Corriere della Sera.

È 7 giugno 2001 quando il Parma di Buffon ne prende tre dalla Roma di Montella, Batistuta e dall’amico Totti, certificando con l’aritmetica lo Scudetto per la squadra allenata da Capello. Lo stadio trema, un ciclone di bandiere giallorosse e voci emozionate rendono quella giornata palpitante anche per il cuore di chi ha una maglia diversa e sogna così di tornarci da padrone di casa. «Se posso scegliere, questa è la mia destinazione preferita: l’ambiente mi ha affascinato, portami lì, Silvano! Altrimenti Barcellona o Juve, in quest’ordine». Il destinatario è il fedele agente Martina, custode di segreti e contratti insieme al papà di Buffon, il signor Adriano.

Tuttavia la Roma non mette sul piatto i quasi 100 miliardi chiesti dal Parma, così e il Barcellona a raggiungere un accordo col portiere. Ma prima di mettere nero su bianconero l’accordo, ecco la telefonata che cambia il futuro di Buffon: «Oh, Silvanooooo, ma dove cazzo vai in giro per l’Europa? Quello lì deve essere nostro, punto e basta!». Ogni riferimento a Buffon non è puramente casuale: la voce inconfondibile di Luciano Moggi rimbomba come una minaccia. «Me lo dici da tre anni, ora se vuoi scrivi…» risponde Martina, invitando il potente uomo mercato della Juve a formalizzare una volta per tutte l’offerta contrattuale per il suo assistito. Giusto il tempo di fissare un appuntamento a Torino da Umberto Agnelli e le parti stringono un patto d’onore a suon di soldoni e progetti: Buffon dice definitivamente sì alla Juventus.