Commisso: «Sono disgustato. Alla Juve non serve l’aiuto dell’arbitro per vincere»

commisso
© foto www.imagephotoagency.it

Rocco Commisso, patron della Fiorentina, ha parlato dopo la sconfitta contro la Juve in Serie A. Le sue dichiarazioni

Ai microfoni di DAZN, Rocco Commisso ha parlato così dopo Juve Fiorentina. Di seguito riportate le sue dichiarazioni.

EPISODI«Sono qua da sei mesi e non ho mai fatto critiche agli arbitri. Sono disgustato: ci hanno dato due rigori, il secondo non c’era. Gli arbitri non devono decidere le partite. La Juventus, con 350 milioni di stipendi, non hanno bisogno di aiuti degli arbitri. Sono disgustato da ciò che ho visto oggi. Se la Juve è più forte di noi non ha bisogno dell’aiuto degli arbitri».

REAZIONE FIORENTINA«I ragazzi sono arrabbiati, demoralizzati».

RIGORI«Non è giusto per la Fiorentina, trattare i nostri giocatori così. La Juve è forte, non ha bisogno degli aiuti degli arbitri. Sono tre partite, una dopo l’altra: la decisione è stata quel che è stata oggi dopo il controllo del VAR».

Il presidente della Fiorentina ha poi parlato ai microfoni di Sky, continuando con le polemiche.

PROTESTE ARBITRALI«Sono molto arrabbiato, sono stato qui sette mesi e non ho mai criticato gli arbitri. Non sono mai andati al var, qua sono andati. Il primo forse c’era, il secondo assolutamente no e lì è cambiata la squadra. La Juve ha 350 milioni di ingaggi, paga i giocatori, non ha bisogno dell’aiuto degli arbitri. Lascino che le partite vengano vinte in campo, non per i regali degli arbitri. Quando vedono queste porcherie, tutti si disgustano come sono disgustato io. Se mi vogliono fare la multa me la fanno, ma io devo proteggere la mia squadra. L’arbitro lo hanno chiamato al var, a noi con Genoa e Inter non ci è andato. Qua è andato e ha confermato il rigore. Se non andava al var non era rigore. Il primo ci può stare, il secondo assolutamente no. Non ho parlato mai con gli arbitri, oggi sono scoppiato. Il nostro calcio è visto in tutto il mondo».

ARBITRI«Non è successo solo contro la Juve. Non è giusto che il calcio si comprometta così. Quando sentono uno come me dicono: “Ma che succede in Italia?”. Vedono il replay e quello che è successo».

JUVE FIORENTINA«I miei ragazzi sono scoraggiati, non si può andare avanti così. Qui in Italia le partite sono decise dall’arbitraggio. La Juve deve vincere in campo, non per gli arbitri».

Condividi