Connettiti con noi

Hanno Detto

Conferenza stampa Allegri post Juve Spezia: le dichiarazioni

Pubblicato

su

Conferenza stampa Allegri post Juve Spezia: le dichiarazioni del tecnico bianconero dopo la partita dell’Allianz Stadium

(inviato all’Allianz Stadium) – Massimiliano Allegri ha parlato in conferenza stampa dopo Juve Spezia.

 GOL DI MORATA – «È importante per lui, sono contento per il gol e per il momento che sta attraversando. Dopo tante partite giocate con gli stessi giocatori, c’è da fare i complimenti ai ragazzi. Nel secondo tempo siamo calati, ci siamo messi lì e abbiamo ottenuto questa vittoria importante che ci rende per la prima quarti in classifica. Dovevamo chiuderla nel secondo tempo però».

 STANCHEZZA FISICA – «Sì, di conseguenza poi diventa mentale. Ti annebbi, diventi meno lucido. Nel secondo tempo abbiamo avuto situazioni favorevoli: loro non avevano niente da perdere si sono alzati, noi ci siamo difesi come abbiamo potuto».

 DYBALA – «Difficilmente ci sarà con la Sampdoria, spero di averlo col Villarreal. Alex Sandro vediamo, sta procedendo bene, vediamo mercoledì se torna in gruppo. De Sciglio dovrebbe rientrare con la Sampdoria, Chiellini ha iniziato a correre stamattina. Bonucci e Zakaria no».

BERNARDESCHI – «Quando si rientra dopo l’infortunio è difficile trovare subito il ritmo. Avrà modo di allenarsi e prepararsi al Villarreal».

 VLAHOVIC STANCO – «Si è dato da fare, nel secondo tempo ha fatto meglio del primo. Si è cercato con Morata davanti, bisognava giocare con più palla in avanti. Loro ci saltavano bene addosso, ma io credo che più di questo la squadra non poteva fare oggi. Queste partite servono a tutta la squadra e a tutto l’ambiente. Nella Juve dei 5 Scudetti partite così ne abbiamo vinte tante, se non riesci a segnare devi difenderti, non è una vergogna. Gli Scudetti passano da queste partite. Siamo nella situazione in cui non possiamo permetterci di sbagliare».

 LOCATELLI MEGLIO DI ARTHUR – «Oggi sono stati tutti bravissimi e hanno dato l’anima per vincere».

ROMA E LAZIO RIENTRATE NEL QUARTO POSTO – «Non mi interessa cosa dicono gli altri. Noi oggi siamo quarti matematicamente, abbiamo 10 partite da giocare. Il nostro obiettivo è arrivare tra le prime 4, passare il turno di Champions e arrivare in finale di Coppa Italia. Per noi lo Scudetto è un discorso chiuso».

 PIU’ PRECISIONE – «Nel primo tempo sì, nel secondo eravamo più annebbiati e abbiamo perso lucidità nelle giocate».

 VITTORIA DAL PESO SUPERIORE – «Molto superiore, i ragazzi l’hanno capito ed è un segno di maturità che questa squadra ha».