Allegri: «A Ferrara per lo scudetto, Ronaldo non gioca»

Massimiliano Allegri
© foto JTV

Conferenza stampa Allegri: il tecnico bianconero parla alla vigilia del match con la Spal. Le sue dichiarazioni

Archiviata positivamente la trasferta di Amsterdam, la Juventus di Massimiliano Allegri si butta a capofitto in Serie A per chiudere la pratica scudetto. La marcia di avvicinamento al match di Ferrara contro la Spal è scandita dalla conferenza stampa delle 12 nel venerdì di vigilia del tecnico livornese.

Allegri risponde alle domane dei giornalisti, qui su Juventus News 24 seguiamo in diretta le sue dichiarazioni.

GESTIONE ROSA – «Domani in molti riposeranno. Ci sono giocatori che hanno bisogno di giocare. Può darsi anche che qualcuno rimanga a casa, ma valuterò domani. Ci saranno dei giovani dietro e sarà una buona possibilità per prenderci i tre punti. Poi martedì c’è la partita che potrebbe consegnarci la semifinale di Champions».

SPAL – «Sarebbe bello festeggiare a Ferrara. Loro si stanno avviando verso la seconda permanenza in Serie A consecutiva, hanno rinnovato lo stadio e Ferrara è una città fantastica dove c’è molta passione. Noi dobbiamo cercare di vincere conquistando lo scudetto, sarà una partita difficile dove chi giocherà dovrà fare bene avendo giocato meno».

MANDZUKIC – «Col Milan aveva fatto una buona partita nel secondo tempo, lui ha un modo di giocare molto dispendioso. Chi ha fatto il Mondiale sta patendo, ma Matuidi e Mandzukic stanno facendo una buona stagione».

NICOLUSSI E COCCOLO – «Uno dei due potrebbe giocare».

INFORTUNATI – «Non ha senso fare valutazioni ora, chi si allena lunedì sarà a disposizione per l’Ajax».

KEAN – «Domani gioca, poi martedì ci pensiamo».

FESTA SCUDETTO – «Ce ne fossero di questi problemi. Domani potrebbe essere una giornata straordinaria dove a Juve potrebbe vincere l’ottavo scudetto di fila e bisogna festeggiare perché è stato fatto un lavoro importante dalla società negli ultimi 10 anni da quando c’è Agnelli».

RONALDO – «Difficilmente sarà della partita, non ha senso rischiarlo. È rientrato già nei limiti. E con lui recupereranno altri giocatori. E comunque in campo andrà una formazione tosta».

RUGANI – «Partita della svolta con l’Ajax? No, è un passo importante perché ha giocato un quarto di finale contro una squadra difficile. Abbiamo fatto una bella partita a livello difensivo e lui è stato all’altezza, anche nella conferenza pre partita. La cosa buffa è che quando lo faccio giocare c’è tutto questo scetticismo quando prima si voleva che giocasse. Con l’Ajax la Juventus aveva Bernardeschi, Cancelo, Rugani, Bentancur e Kean in panchina. Per la Juventus è un bel risultato a livello societario. Significa aver programmato un futuro importante».

BONUCCI – «Non ha nessun problema però dovrebbe riposare. Oggi valuterò meglio la situazione».

PORTIERE – «Gioca Perin».

SCUDETTO – «Domani sarà una giornata bella anche per me. Fare parte di una società del genere, che te ne regala cinque è motivo di soddisfazione».

BARZAGLI – «Rientra con la squadra a fine settimana, è venuto ad Amsterdam per onor di firma. È un giocatore importante per lo spogliatoio. E sta iniziando un percorso per vedere le cose dall’altra parte. Se gli do una mano? Non ne ha bisogno. La cosa più importante è osservare e ascoltare. Io credo che Andrea per come lo vedo io possa far parte di uno staff dove imparare e dove possa aiutare nella preparazione dei difensori. Lui è un professore da quel punto di vista».

CUADRADO – «Domani gioca».

DOUGLAS COSTA – «Non so se verrà a Ferrara. Finita la partita ha avuto un risentimento al polpaccio ma difficilmente sarà a disposizione per domani. Era meglio se lasciava la gamba… Un contro è parlare di malizia, un conto di slealtà. Nel calcio serve anche quello, se no si fa un altro sport».