Danilo: «Alla Juve una buona stagione. Spero di fare ancora meglio»

© foto www.imagephotoagency.it

Danilo, terzino bianconero, ha parlato del suo primo anno alla Juve e degli obiettivi in vista della seconda stagione

Intervistato dal sito ufficiale della Fifa, Danilo ha analizzato la sua prima stagione alla Juve. Le parole del terzino brasiliano.

VITTORIE«Sono molto felice di aver vinto i campionati in Inghilterra, Spagna e italia. È sempre bello essere l’unico giocatore ad aver fatto qualcosa».

JUVE – «La considero una buona stagione. È stato un anno di adattamento. Ho lasciato la Premier League, che è totalmente diversa fisicamente e tatticamente. Ho provato ad adattarmi più velocemente possibile. Ho giocato molte gare, abbiamo vinto lo scudetto, ma è chiaro che la Juventus abbia come obiettivo quello di vincere la Champions League. Spero che il mio secondo anno possa essere ancora migliore».

PIRLO«È stato un giocatore senza eguali. Non era il più veloce ma era un grande pensatore e aveva un innegabile qualità con la palla. In realtà, ha partecipato ad un paio di sessioni di allenamento negli ultimi giorni ed è ancora incredibile: la sua visione, la tecnica. Se abbiamo qualche infortunato può giocare (ride, ndr). Dal punto di vista delle capacità può ancora farlo».

ALLENATORE«È davvero calmo. Capisce davvero la mentalità dei giocatori in campo perché ha smesso di giocare solo di recente. Conosce la Juventus alla perfezione. Sa come trasmettere il suo messaggio, parlare ai giocatori uno ad uno, per ottenere il meglio da loro. E ha applicato alcune idee tattiche davvero buone ed è molto chiaro su come vuole che la squadra giochi, cosa che mi piace molto. I primi giorni con Andrea sono stati davvero positivi».

RONALDO «Cristiano è indiscutibile. Quello che fa nelle partite, le sue statistiche, dicono tutto. È estremamente competitivo in allenamento e questo si riflette nelle partite. Ha tante qualità. Forse ciò che lo contraddistingue è che è bravo in ogni aspetto del gioco. Ed è davvero un bravo ragazzo. Ho un ottimo rapporto con lui: siamo stati due anni insieme al Real Madrid e ora alla Juventus. Parliamo di tutto. Ha un lato molto umano. Chiede sempre cose sul Brasile. Ad esempio, per il Covid mi chiede sempre com’è la situazione in Brasile. Se ne preoccupa. È molto umano, davvero gentile».

CAMPIONATI «È molto difficile da dire. Sono campionati completamente diversi. In termini di qualità, la Spagna. Indipendentemente dal fatto che sia una squadra grande o piccola, cercano sempre di attaccare, sfruttare le debolezze degli avversari, vincere e giocare a calcio. In Inghilterra è davvero fisico, passionale, intenso. L’azione non si ferma. È uno stile di calcio che ho davvero amato. E in Italia è molto tattico, un po ‘più intelligente, ponderato. È difficile trovare spazio. Ognuno è amato per le sue caratteristiche».

MONDIALE 2018«Era un misto di sentimenti. L’esplosione di felicità per fare il mio debutto in Coppa del Mondo, per vivere l’atmosfera di un Mondiale. E poi la frustrazione dei due infortuni che mi hanno escluso dai giochi. Ma nel complesso è stato davvero positivo. È un’esperienza unica. È l’obiettivo di ogni calciatore. Quando ci arrivi, senti la sensazione di aver realizzato un sogno. Avere quell’esperienza, ed essere escluso dalle partite quando ero disperato per giocare, mi ha fatto venire voglia di essere ancora di più ai prossimi Mondiali».

BRASILE«Sono molto contento. Questo è uno degli obiettivi: avere la fiducia dell’allenatore della nazionale brasiliana. È qualcosa che ti motiva, che ti fa venir voglia di migliorare ogni giorno per dimostrare che la sua fede è giustificata. Ma in Brasile c’è sempre così tanta concorrenza per i posti. Abbiamo così tanti grandi giocatori, emergono sempre nuovi giocatori, quindi devo andare avanti e lavorare molto alla Juventus per mantenere la fiducia di Tite».

DANI ALVES«Avere un giocatore come lui davanti non è assolutamente frustrante. Vado in Nazionale da quasi dieci anni, lo considero un traguardo davvero importante, un traguardo. Principalmente a causa della mia provenienza. La gente parla della mancanza di terzini destri in Brasile ma si è sempre visto il contrario. Negli ultimi dieci anni ci sono stati Maicon e Daniel Alves. La qualità dei terzini destri è molto alta e la competizione per i posti è davvero dura».

NEYMAR«Neymar, per me, senza alcun dubbio, è sulla punta dei migliori giocatori del mondo, dove pochissimi giocatori hanno un posto. Lo conosco da più di dieci anni, da quando eravamo al Santos e alla Seleção. L’ho visto fare cose incredibili da vicino. Ogni volta che fa qualcosa di nuovo, non mi sorprende perché so che ha un talento che supera qualsiasi altro giocatore attivo».

QATAR 2022«Lo spero. Le qualificazioni saranno dure. Il calcio – tatticamente e fisicamente – si è evoluto così tanto. Vincere la Coppa del Mondo è il nostro obiettivo. Abbiamo giocatori di talento ed esperti».

RIVALI BRASILE«La Spagna è in buona forma, la Francia ha una generazione davvero forte, e io metterei Belgio e Olanda, che recentemente sono sembrati incredibili. Poi ci sono le squadre stabilite: Italia, Argentina. In un torneo come il Mondiale, oltre alla qualità, la tradizione ha molto peso».

LEGGI ANCHE: Calciomercato Juve: le ultime sulle trattative bianconere

Condividi