Difesa Juventus: scudetto anche senza BBC, il ricambio è sostenibile

© foto www.imagephotoagency.it

Difesa Juventus: scudetto anche senza BBC, il ricambio è sostenibile. Chiellini out responsabilizza Bonucci, chioccia per De Ligt e Demiral

Nel primo anno senza BBC (lo storico e granitico trio difensivo composto da Barzagli, Bonucci e Chiellini), la Juventus riesce a centrare l’obiettivo scudetto. Al di là delle difficoltà affrontate in stagione – dal cambio di filosofia ai tanti gol subiti rispetto alle ultime stagioni – il club bianconero ha saputo sopperire a questo avvicendamento in maniera tutto sommato sostenibile.

De Ligt e Demiral: il futuro è adesso

In bianconero sono arrivati due centrali dal sicuro avvenire: Matthijs de Ligt e Merih Demiral. Entrambi, dopo le comprensibili difficoltà iniziali, hanno dimostrato buona affidabilità e potenziale di altissimo livello. Se il secondo è stato condizionato dal gravissimo infortunio al crociato occorso in gennaio, l’olandese nel periodo post lockdown è letteralmente esploso. Sia De Ligt  sia Demiral (al primo trofeo della sua carriera) danno la sensazione di fornire garanzie anche nell’immediato.

Bonucci capitano di scorta: leadership e affidabilità

Il maggiore contributo l’ha però sicuramente dato Leonardo Bonucci. Il numero 19 bianconero è stato il vero punto di riferimento all’interno del reparto e dello spogliatoio, oltre che il giocatore più utilizzato da Sarri. Capitano ad interim per il lungo infortunio di Chiellini, ha fatto da chioccia ai due baby e, cosa più importante, ha fornito

9 di fila: Chiellini è da record

Nono scudetto di fila per Giorgio Chiellini, rimasto unico giocatore della Juventus ad aver vissuto l’intero ciclo. Trattasi di un record assoluto a livello di titoli nazionali europei, da condividere con Buffon (il portiere ha però intervallato la serie con la Ligue One vinta al PSG). Nonostante l’infortunio ne abbia completamente inficiato la stagione, il capitano è sempre rimasto vicino alla squadra, dispensando preziosi consigli ai suoi compagni di reparto. Archiviato lo scudetto, Sarri aspetta il suo contributo in Champions.

Condividi