Endt: «La Juve ha tanto talento, ma l’Ajax è sembrato più fresco e pronto»

© foto www.imagephotoagency.it

David Endt ha rilasciato un’intervista dopo la vittoria di ieri sera dell’Ajax contro la Juventus in Champions League

David Endt, giornalista sportivo nonché ex team manager dell’Ajax, ha commentato ai microfoni di Radio Sportiva la vittoria dei Lancieri contro la Juventus. Di seguito riportate le sue parole.

I MERITI DELL’AJAX – «L’Ajax ha avuto il merito di andare avanti con lo stesso metodo basato su possesso palla e brillantezza. Ten Hag è un allenatore influente che ha saputo imprimere alla sua squadra le sue idee».

DIFFERENZE – «La Juve ha tanto talento anche nei giovani ma anche l’Ajax nonostante più di 50 partite è sembrato comunque fresco e pronto».

IL FUTURO – «Purtroppo il destino dell’Ajax è quello di veder cedere i propri talenti. La squadra olandese non è in grado di competere con le big europee, ma grazie alla Squadra B ci sono molti ottimi talenti Under 21».

I GIOIELLI IN PARTENZA – «Non è detto che i giocatori che lasceranno l’Ajax riusciranno ad emergere: De Ligt in una squadra come il Barcellona troverebbe un gioco simile. Per gli altri dipende, perché non in tutte le squadre si possono esaltare le loro caratteristiche».

IL MODELLO OLANDESE – «Credo sia difficile copiare il modello Ajax altrove. Da 50 anni c’è un modo di fare calcio così ed è unico per Amsterdam. Quando si vuole copiare qualcosa bisogna avere la pazienza di svilupparlo».