Rocca (esaminatore Suarez): «Non è vero che non sapeva coniugare i verbi»

© foto www.imagephotoagency.it

Rocca (esaminatore Suarez): «Non è vero che non sapeva coniugare i verbi». Un’altra testimonianza sul tormentato caso

Lorenzo Rocca, uno degli esaminatori di Suarez, è finito nel registro degli indagati per aver rivelato i contenuti della prova orale del 17 settembre di Suarez; per aver sottoscritto il certificato attestando falsamente di aver proceduto alla verifica della conoscenza della lingua italiana al livello B1, quando la verifica di tale conoscenza era fittizia. Lui si difende così sulle pagine di Repubbica.

NTERCETTAZIONI – «Tutto va contestualizzato. Le intercettazioni sono solo una parte di un tutto. C’è un’inchiesta in corso… quello che posso dire, d’accordo con il mio avvocato, è che ho deciso di non avvalermi della facoltà di non rispondere. Martedì sono stato convocato dal pm e ho avuto un lungo colloquio, assolutamente sereno e pacato, nel segno della massima cordialità e del rispetto reciproco».

COMMISSIONE – «La commissione è formata da due persone. Suarez lo abbiamo ascoltato in due».

SUAREZ B1 – «Se è un B1? Questo punto è molto importante. Ma è anche un punto centrale dell’indagine e non posso rispondere. L’ho fatto, ma davanti al pm». 

CONIUGARE I VERBI – «No guardi, quel riferimento al fatto che Suarez parlasse solo per verbi all’infinito non corrisponde a quello che abbiamo constatato. Non l’ho sentito solo con le mie orecchie: come le dicevo gli esaminatori sono sempre in due, e in due abbiamo sentito più volte il candidato coniugare correttamente i verbi».

RISPOSTE IN ANTICIPO – «Dico solo che ci sono esempi di materiale d’esame tranquillamente disponibili online. Se mi è stato ordinato di dargli le risposte in anticipo? Non posso dirle nulla, anche perché ci sono altre persone coinvolte».

LEGGI ANCHE: Rassegna stampa Juve: prime pagine quotidiani sportivi – 24 settembre 2020

Condividi