Frabotta: «La maglia della Juve è un orgoglio. Punto alla prima squadra» – VIDEO

Instagram

Gianluca Frabotta, terzino della Juventus U23, ha rilasciato un’intervista, raccontando i primi mesi in bianconero

Ai microfoni di Juventus TV, Gianluca Frabotta ha rilasciato un’intervista, raccontando i primi mesi in bianconero. Di seguito riportate le sue dichiarazioni.

STAGIONE«Il bilancio fino a questo momento è positivo. Potevamo avere qualche punto in più ma lo faremo nella seconda parte di stagione. A livello personale ho avuto all’inizio qualche difficoltà, ma ultimamente sto avendo continuità. Sono contento».

PECCHIA – «Guarda nel dettaglio, sia tatticamente ma anche fuori dal campo. Cura i dettagli a livello difensivo e mi sento migliorato. Anche fuori dal campo ha le sue regole, quindi vuole che vengano rispettate».

PRIMO IMPATTO – «Quando sono venuto a Vinovo ho visitato il centro e appena ho messo piede nel centro sportivo mi sono accorto in che squadra ero arrivato. Indossare la maglia della Juve è un orgoglio, ma va portata con rispetto. L’hanno indossata tantissimi campioni. Tutti i ragazzi dell’Under 23 puntano ad arrivare in prima squadra, perché ogni tanto capita anche di allenarsi con loro. È sempre un’emozione bellissima».

IN SERIE C CON L’UNDER 23«È sicuramente diverso, perché mancano giocatori di esperienza ma in campo colmiano questa lacuna con la qualità dei tanti giovani».

CONSIGLIO«Il consiglio che do ai ragazzi che si affacciano adesso al campionato di Serie C è di non abbattersi se all’inizio non giocano tanto. Serve continuare a lavorare perché le opportunità arrivano».

CARATTERISTICHE – «Sono un terzino sinistro a cui piace più attaccare che difendere. Mi piace l’uno contro uno e aiutare i compagni a fare gol».

MIGLIORAMENTI – «Devo migliorare in fase difensiva, anche in fase offensiva nei cross e nella lettura delle situazioni».

MODELLO«Il mio idolo è Fabio Grosso, come l’idolo di tanti italiani per le gioie che ci ha regalato. Attualmente in Serie A mi piacciono Kolarov e Alex Sandro».

GOL – «La prima rete sarà emozionante, perché oltre ad essere la prima con l’Under 23 sarà anche il primo gol tra i professionisti. Se segnerò lo dedicherò alla mia famiglia e lo condividerò con la squadra».