Connettiti con noi

Hanno Detto

Higuain shock: «Stavo per lasciare il calcio. Non volevo tornare alla Juve»

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Higuain shock: «Stavo per lasciare il calcio. Non volevo tornare alla Juve durante la pandemia, mi sembrava un’aberrazione»

L’ex attaccante della Juventus Gonzalo Higuain ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di ESPN. Di seguito le sue parole.

PANDEMIA – «Sono andato in Argentina e le ho detto (alla madre ndr) che fino a quando non fosse guarita, non avrei più giocato a calcio. Ho combattuto per lei. Mi ha risposto che sarebbe morta prima perché non mi avrebbe permesso di lasciare qualcosa che amavo, per lei. Così ho continuato a giocare per lei. Stavo per lasciare il calcio. Quando sono tornato in Argentina nella pandemia non volevo tornare alla Juventus perché mi sembrava un’aberrazione che continuassero a giocare con il numero di morti che ci sono stati. Nel calcio, al di là di ciò che si muove, se ne fregano della vita delle persone. Hanno continuato a giocare per tenere occupata la testa di chi era rinchiuso in casa loro. Non volevo tornare indietro e ho ricevuto molte critiche per aver detto quello che sentivo».

CALCIO – «Amo il calcio e lo amerò sempre. Mi sono divertito e ho sofferto. Ultimamente mi piace sempre meno vederlo. L’altro giorno ho finito per guardare il PSG-Manchester City al telefono perché mia figlia voleva vedere i cartoni in televisione, ha cambiato l’ordine delle priorità. Mi piace sempre meno perché quando si dice che tanti talenti non escono in Argentina e nel mondo è perché la tecnologia, gli spazi ridotti e le giocate a due tocchi hanno tolto il palleggio e l’uno contro uno. L’obbligo di giocare due tocchi porta il giocatore a giocare così perché altrimenti l’allenatore si lamenterà. Le cose sono perse. È tutto così verticale e giocando a due tocchi che si vedono meno dribblatori».

SACRIFICI – «La gente dice ‘vai in barca, hai milioni, guarda la casa in cui vivi’. Così la gente è confusa, nessuno mi ha dato assolutamente niente. Se ho quello che ho, è perché ho dato tutto da quando avevo 9 anni. Non ho implorato né chiesto per favore, ho chiesto quello che pensavo di meritare per quello che ho dato per ogni club in campo. Ho sempre superato gli ostacoli e ho dovuto segnare gol e gol per chiedere miglioramenti. Parlano al giornale il lunedì dopo la gara che ho fatto. Ho passato il mio compleanno senza i miei migliori amici, sono andato ai Mondiali in Russia il giorno dopo la nascita di mia figlia, sono dovuto tornare in Argentina quando mia madre ha subito quello che è successo. Dietro al calciatore ci sono tanti sacrifici. Se hai intenzione di prendere un gelato, se ne accorgono se metti tre palline di gelato per dire che non sei professionale e, se ne metti uno, dicono che ti prendi cura di te. Di cosa stiamo parlando, ragazzi? Devi goderti la vita e avere il permesso di godertela. Non siamo noi che dobbiamo dare l’esempio con quante palline di gelato mangiamo o quanti bicchieri di vino beviamo, l’esempio negativo lo dà chi uccide, assassina, abbandona i propri figli o genitori. Negli Stati Uniti ho trovato questo approccio e, quando lo trovi, non vuoi più tornare all’altro».

MAMMA – «Quando eravamo bambini, mia madre ci diceva sempre una frase che abbiamo scritto sul muro di casa: Spazzini con l’anima. Qualunque cosa ti tocchi di essere nella vita, ci ha detto di farlo con l’anima. Se ottieni quello che ti piace, meglio è; se no, come succede a tante persone che ammiro, ci metterò anche l’anima per rendere tutto più facile. Oggi che non ce l’ho, ricordo e apprezzo tutto ciò che mi ha insegnato dal lato sensibile, dell’amore, dell’educazione, del godere delle cose semplici della vita. Quando è successo quello che le è successo, ero tranquillo perché l’ho vista sana, con il viso come se nulla le fosse successo. Se n’è andato con l’ultima cosa che voleva sapere, che era che io e Fede avevamo segnato un gol nella stessa partita. È come se ne avesse bisogno per andarsene. Non c’è giorno che non la ricordi».

AMERICA – «Sto vivendo uno dei momenti più belli della mia vita a livello emotivo e personale. Godendo della crescita di mia figlia, dello stare con mia moglie. Dopo un anno così difficile che ho passato con mia madre, avere quella tranquillità è stato qualcosa di meraviglioso. Godere di una città meravigliosa, sicurezza, vai a prendere un gelato con mia figlia. Vivi quei momenti che prima, con la pressione e l’esposizione, non si potevano vivere. Il calcio è una giungla in cui tutti devono guardarsi il culo. La mia testa è proiettata a rispettare il contratto con l’Inter Miami, non c’è possibilità che io torni nella bolla di pressione e non possa uscire. No, non c’è possibilità. Sono molto calmo con me stesso e quando uno è in pace con sé stesso, fa bene agli altri. Amare è dare, non ricevere. Sto dando tutto perché la mia famiglia sia felice e non possa sopportare ciò che ha già sopportato per tanti anni. Vedo mio padre, i miei fratelli, mia moglie e mia figlia felici, perché dovrei cambiarlo?»