Connettiti con noi

News

Milan senza Tomori (e Kjaer): la bontà delle idee conta più degli uomini

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

L’infortunio di Tomori ha gettato nello sconforto la famiglia Milan ma la storia insegna che le idee valgono spesso più dei giocatori

(Di Sandro Dall’Agnol) – Senza dubbio una piccola, grande mazzata per il Milan il nuovo infortunio subito da Fikayo Tomori. L’operazione immediata al menisco del ginocchio sinistro terrà fuori l’inglese per circa un mesetto dai campi di gioco.

Un periodo non particolarmente lungo, sia chiaro, anche perché andrà a coincidere con la sosta di fine gennaio in questo caso più che benedetta per Pioli e la sua squadra. Resta però l’enorme inquietudine legata a due delle partite che i rossoneri dovranno affrontare senza il loro pilastro difensivo. Perché successivamente alla comoda, sulla carta, sfida di lunedì contro lo Spezia, all’orizzonte della Serie A si stagliano i big match contro la Juventus e, soprattutto, al cospetto dell’Inter.

Sfide che potrebbero anche segnare in maniera indelebile la corsa Scudetto, a maggior ragione se i nerazzurri di Simone Inzaghi non perderanno colpi nel difficilissimo incrocio di Bergamo.

Ma i tifosi milanisti dovrebbero però riflettere su quel che è stato il percorso negli ultimi due anni e non disperare. Anzi, tutt’altro. La forza delle idee che ha messo sul piatto il Diavolo nel suo clamoroso percorso di crescita vale infatti molto di più rispetto agli interpreti.

CONTINUA A LEGGERE SU CALCIONEWS24