Mirante, retroscena alla Juve: «Gli risposi male, mi mandò a far la doccia»

Iscriviti
mirante
© foto www.imagephotoagency.it

Antonio Mirante, portiere della Roma, ha rilasciato un’intervista, parlando così dei suoi ricordi legati alla Juve

Il portiere della Roma, Antonio Mirante, ha rilasciato un’intervista a Sportweek, parlando anche dei suoi ricordi alla Juve. Le dichiarazioni.

DZEKO – «Lui è paziente, comprensivo, ma sa essere anche duro. Di Edin mi colpisce la professionalità, venuta fuori anche nell’ultimo periodo, quando poteva sbandare dopo tutte le voci che lo volevano alla Juve e invece si è confermato quello di sempre, arrivando a Trigoria per primo e uscendo per ultimo. Lui ci tiene alla Roma. È qui da cinque anni e sente la responsabilità di quello che rappresenta».

VAN DER SAR – «Il primo è stato Van der Sar. Mi regalò subito un paio di guanti perché io non avevo sponsor. Era uno dei primi nel suo ruolo a saper giocare benissimo coi piedi. Ha avuto la sfiga di commettere un paio di errori determinanti, uno dei quali costò alla Juve lo scudetto a vantaggio proprio della Roma».

BUFFON – «A lui, come a Donnarumma, il Signore ha poggiato la mano sulla testa e gli ha detto: tu sei nato portiere. Nel nostro ruolo le doti fisiche e atletiche sono determinanti. Il resto lo fa la personalità. Non ho mai visto Buffon “subire” la partita, il risultato. La sua consapevolezza, la sua sfrontatezza lo hanno molto aiutato, soprattutto nei primi anni di carriera».

GASPERINI«L’avevo già avuto in Primavera alla Juve. Il primo giorno mi mandò a fare la doccia. Mi aveva ordinato di raccogliere i palloni tra una partitella e l’altra e io avevo fatto l’errore di rispondergli che ero stanco. Con lui, poi, a Crotone in B, ho giocato sempre. È un allenatore che insegna calcio, un calcio offensivo e aggressivo. Se gli dai in mano un
giovane, lo trasforma in oro».

LEGGI ANCHE: Cristiano Ronaldo subito titolare per Spezia-Juve? Cosa filtra sul marziano

Condividi