Moggi non ha dubbi: «Sì, la Juventus deve cambiare questa cosa»

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Luciano Moggi, ex dirigente della Juve, ha rilasciato un’intervista, toccando alcune tematiche di attualità in casa bianconera

Ai microfoni di Radio Bianconera, nel corso di ‘Cose di Calcio’, è intervenuto l’ex dirigente della Juventus Luciano Moggi. Ecco le sue dichiarazioni.

BILANCIO 2020«La Juve ha fatto bene fino all’anno scorso, adesso è ingiudicabile perché ha cambiato tanto, compreso l’allenatore. Ma il bilancio è positivo. La Juventus ha sempre tenuto alta la bandiera vincendo nove scudetti di fila, è l’unica squadra italiana che è andata avanti in Coppa dei Campioni anche se poi non sono arrivati i risultati. È la squadra italiana che si è messa più in evidenza di tutti».

MERCATO – «Sarebbe il caso di intervenire, ma non si può. Secondo me questa squadra deve cambiare gioco, il gioco che vuole fare Pirlo non è praticabile con questi giocatori. Il centrocampo se ci si mette a dialogare non funziona, se si gioca di rimessa allora ci sono dei giocatori che hanno gamba. Rabiot ad esempio è molto bravo a giocare di rimessa. Io ritengo che la Juve debba giocare di rimessa perché è il gioco che più le si addice, anche se non è funambolico. Anche l’Inter gioca di rimessa, non entusiasma ma fa risultati. Bisogna adattarsi alle caratteristiche dei giocatori che si hanno. Meglio difendersi e ripartire, anche uno come Chiesa può essere utile in contropiede».

SCUDETTO«Quest’anno dobbiamo prendere quello che viene, dopo aver vinto nove Scudetti ne puoi perdere anche uno. Non è facile recuperare i punti che si sono persi».

LEGGI ANCHE: Cristiano Ronaldo a sorpresa: ecco con chi ha trascorso il Capodanno – FOTO

Condividi