Connettiti con noi

News

Morata uomo Champions: fiducia di Allegri e responsabilità. Così si gioca il futuro

Pubblicato

su

Morata uomo Champions: fiducia di Allegri e responsabilità. Così l’attaccante spagnolo si gioca il futuro alla Juventus

«Se fosse per me sarei sempre qua». Se qualcuno nutriva ancora dei dubbi sul legame con la Juventus, Alvaro Morata li ha spazzati via. Discorso addio a gennaio a colorare la sua conferenza stampa di vigilia: lo spagnolo è stato veramente ad un passo dal lasciare Torino per trasferirsi al Barcellona. Lo voleva Xavi, lui apprezzava la destinazione, l’arrivo di Vlahovic sembrava aver chiuso il posto al numero 9. Poi, il dietrofront di Allegri. «Ho parlato con il mister quando c’era il mercato. Mi ha detto che mi avrebbe aiutato tanto l’arrivo di Dusan, e sono felice di essere qua. Ho sempre sentito la sua fiducia. Lui è il primo che mi chiede tante cose ma sa quali sono o non sono i miei limiti. Mi ha detto che dovevo rimanere qua: ora devo lottare per ripagare la sua fiducia» ha confessato Morata.

Da quasi sicuro partente a uomo Champions della Juve. Sì, perché l’attaccante questa sera ha un compito importante nell’andata degli ottavi di finale contro il Villarreal, un compito di responsabilità. Con Dybala ai box per infortunio e Vlahovic alla prima in Europa, tocca al numero 9 guidare il reparto offensivo di Allegri. Ma su questo non ci sono particolari patemi. La fotografia simbolo è quella cavalcata del 2014/15: 5 gol in 12 partite che portarono la Juve ad assaporare il tetto europeo a Berlino. Allegri sa come stimolarlo e lui si esalta nelle notti di Champions: «Lui le partite secche le decide. Noi andiamo in finale nel 2015 perché lui fa il gol col Real e poi in finale. È micidiale nelle gare secche» disse l’allenatore a Sky Calcio Club.

In ballo, per l’attaccante, c’è anche il discorso futuro. Le sue prestazioni nei prossimi mesi saranno valutate attentamente dalla dirigenza, la quale dovrà decidere a fine stagione se esercitare il diritto di riscatto dall’Atletico Madrid per 35 milioni di euro. La Juventus potrebbe sedersi nuovamente al tavolo delle trattative con i Colchoneros, con l’obiettivo di abbassare la cifra per l’acquisto del 9 (20/25 milioni). Gli spagnoli vorrebbero evitare di vederlo indossare la casacca dei rivali del Barcellona, per questo motivo potrebbero aprire nuovi discorsi con la Juve. Sullo sfondo, alcuni club inglesi come l’Arsenal, monitorano la situazione a distanza.