Notizie Serie A: giornata di conferenze, Pedro si presenta

© foto www.imagephotoagency.it

Notizie Serie A LIVE: focus di giornata e ultima ora per restare aggiornati sulle news e risultati del campionato italiano

Venerdì 25 settembre 2020: notizie Serie A.

Gravina sulla riduzione dei tamponi: «Importante obiettivo raggiunto»

Ore 22.00 – Il Presidente della FIGC, Gabriele Gravina, ha commentato la notizia della riduzione dei tamponi limitati a 48 ore prima delle partite, fonte Ansa, mostrandosi entusiasta: «È un altro importante obiettivo raggiunto; ringrazio il Ministro Spadafora e il suo Dipartimento, con i quali abbiamo condiviso una proposta che il mondo del calcio professionistico aspettava da tempo. Manca solo un altro tassello per completare la ripartenza, lavorando in sinergia con le istituzioni sono convinto che arriverà presto».

Spadafora annuncia: «Da oggi tamponi solo a 48 ore dalla partita»

Ore 21.00 – Vincenzo Spadafora, Ministro dello Sport, ha annunciato che i calciatori dovranno effettuare i tamponi solo a 48 ore dalla partita. È infatti arrivata in merito l’approvazione del Cts. Questo l’annuncio: «Il Cts ha valutato positivamente la nostra proposta sulla riduzione dei tamponi, andando anche oltre la richiesta della Figc. Da oggi infatti, i giocatori dovranno obbligatoriamente sottoporsi al tampone solo nelle 48 ore precedenti le competizioni».

Torino, tamponi negativi: le ultime

Ore 15.00 – Tamponi negativi per tutto il Torino. Ecco il comunicato: «Giampaolo, dopo l’analisi tattica, ha diretto una sessione tecnica che si è conclusa con una partita a ranghi misti, con tempo e campo ridotti. L’esito dei tamponi ha dato un responso negativo per tutto il gruppo squadra che però, ovviamente, stasera sarà ugualmente in ritiro come prassi alla vigilia di ogni partita di campionato».

Conte: «Pronti a cominciare, faremo del nostro meglio»

Ore 14.30 – Conte ha parlato in conferenza stampa: «Abbiamo lavorato molto bene e sono soddisfatto. Non abbiamo avuto molto tempo, ma abbiamo fatto bene sotto gli aspetti dell’abitudine e della voglia. Siamo pronti per iniziare questo nuovo campionato, difficile per tanti aspetti per come abbiamo finito e come stiamo iniziando. La nostra ambizione deve essere quella di confermare nostra credibilità anche internazionale, dopo la finale di Europa League. Cercheremo di fare del nostro meglio».

Iachini: «Inter antagonista della Juve, servirà una grande prestazione»

Ore 14.00Iachini ha parlato alla vigilia del match contro l’Inter: «Avrei preferito affrontare l’Inter più avanti visto che abbiamo iniziato a lavorare da poco. Affrontiamo una grande squadra, la prima antagonista della Juventus e sarà il secondo anno con un ottimo allenatore come Conte. L’anno scorso hanno chiuso secondi a un punto dai bianconeri e hanno fatto una grande Europa League, servirà una grande prestazione sotto tutti i punti di vista. Non possiamo andare lì a difenderci ma dobbiamo tirare fuori le nostre armi per creare loro qualche problema. Davanti avremo una squadra che per forza e qualità, hanno il miglior attacco della Serie A, che ci metterà in difficoltà».

Pedro: «L’obiettivo della Roma è tornare in Champions League»

Ore 13.30Pedro si presenta alla Roma: «Siamo una squadra molto buona, con tanti giovani. Ci sono Edin e Miki, alcune delle ragioni per cui sono venuto qui, per creare una mentalità vincente. L’obiettivo è quello di tornare a giocare la Champions e contribuire a creare una squadra con una mentalità forte, che torni al livello di quando raggiunse la semifinale di Champions».

Gasperini: «Ilicic si sta allenando, ma non c’è nessuna fretta»

Ore 13.00 – In conferenza stampa, Gasperini ha parlato anche di Ilicic: «Calma, ha passato un brutto momento. Si sta allenando, ma da tre giorni a questa parte. Non ha fatto partitelle, lui si ferma qui ad allenarsi oggi. Poi domenica mattina ricomincia con noi. Non pongo nessuna fretta, starei un po’ più cauto: se sarà in grado di giocare saremo i primi ad essere contenti».

Fienga: «La Roma ha il diritto di difendersi dopo la sconfitta a tavolino»

Ore 12.30 – Il CEO della Roma Fienga ha parlato dell’episodio della sconfitta a tavolino contro il Verona: «L’episodio è chiaramente basato su un nostro errore in buona fede, un errore che non ha recato alcun vantaggio alla Roma. Non bisognava inserire alcun giocatore non tesserato come lo fu per il Sassuolo. Sulla base di questo la Roma credo abbia il diritto di potersi difendere. Sentire organi federali esprimersi in anticipo sul giudizio, ironizzando un po’, ci lascia sorpresi, come se questo diritto alla difesa sia inutile. Ci dispiace per quello che abbiamo sentito. Riteniamo che il caso del Sassuolo sia un caso diverso e che il giudizio futuro, sia un giudizio fatto in serenità e indipendenza con lo stesse rispetto con cui noi rispettiamo gli organi federali e la giustizia».

Condividi