Pirlo ammette: «Siamo entrati in campo con troppa superficialità»

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Andrea Pirlo, allenatore della Juventus, ha parlato al termine del match dello Stadium tra i bianconeri ed il Ferencvaros

Andrea Pirlo, allenatore della Juventus, ha parlato ai microfoni di Sky Sport al termine del match dello Stadium tra bianconeri e Ferencvaros. Il tecnico bresciano ha commentato la prestazione dei suoi uomini.

ANALISI «L’obiettivo era quello di entrare con un altro atteggiamento. Quando si giocano queste partite che sembrano semplici poi vai incontro a difficoltà. Siamo entrati superficiali e poi devi fare una partita a rincorrere. Non abbiamo fatto una prima pressione veemente, ma è normale dopo tante partite non avere la stessa intensità. L’importante era non sbilanciarsi per non prendere delle ripartenze».

CAMBI – «Mi aspetto di più, dovevamo cercare di allargarli più velocemente. Il ritmo della palla non era rapido».

DE LIGT – «È un capitano già a 20 anni. Lo aspettavamo da tempo, è un campione. Riesce a tenere la squadra corta, ci dà più aggressività».

ARTHUR – «Oggi si è intestardito a portare palla, ma sta crescendo anche a livello fisico. Bisognava aprire di più il gioco per dare più possibilità ai nostri giocatori per l’uno contro uno».

FERENCVAROS – «Sono venuti a fare la loro partita, come in Ungheria».

DYBALA – «Non ha fatto benissimo ma è in crescita perché viene da un periodo di inattività. È normale che abbia bisogno di più tempo per ritrovarsi».

Condividi