Pjanic spia di Koeman: «Spero ci dia informazioni sulla Juventus»

© foto Dal profilo Instagram di Miralem Pjanic

Ronald Koeman, allenatore del Barcellona, esalta Pjanic per la Champions League: «Abbiamo Pjanic, che può darci qualche informazione in più sulla sua ex squadra»

Ronald Koeman, allenatore del Barcellona, ai microfoni del canale ufficiale del club catalano ha fatto il punto sulla sua squadra. Tra i vari passaggi anche uno importante su Pjanic:

MODULO MIGLIORE – «Con questa rosa e con questo tipo di giocatori, il 4-2-3-1 è secondo me il modulo migliore. Guardando la qualità che abbiamo, è perfetto per la squadra».

CHAMPIONS LEGAUE E PJANIC – «È una competizione molto importante. In teoria siamo i migliori del nostro gruppo, ma dobbiamo dimostrarlo. Cominceremo in casa contro il Ferencváros: una partita importante, dobbiamo prepararci e analizzare bene gli avversari. La Juventus sta dimostrando ogni anno di avere una squadra forte, con esperienza e un grande giocatore come Cristiano Ronaldo. Abbiamo Pjanic, che può darci qualche informazione in più sulla sua ex squadra».

NUOVI ACQUISTI – «Sono contento della rosa che abbiamo. Abbiamo cercato di migliorare: per certi aspetti ci siamo riusciti, per altri no, ma in parte anche a causa della situazione finanziaria del club. Dobbiamo accettarlo e lavorare sodo. Pedri e Trincão hanno lavorato con noi dal primo giorno, ottenendo buoni risultati. Pedri ha solo 17 anni e adoro il modo in cui lavora, si allena e gioca. Anche Trincão si sta adattando rapidamente alle nostre idee, e è un giovane con un grande futuro davanti a sé.
Pjanić è arrivato qui un po’ più tardi, ma gradualmente arriverà alla forma ottimale. Ha grandi qualità. Dest sembrava molto a suo agio nei suoi 20 minuti contro il Siviglia. Araujo ha un grande futuro davanti a sé: è forte fisicamente e veloce. È un ragazzo che vuole imparare, sempre aperto all’apprendimento di cose nuove. Ha tante cose da migliorare, ma è normale alla sua età».

LEGGI ANCHE: Milito avverte la Juve: «L’Inter lotterà per lo Scudetto, gap ridotto»

Condividi