Caso Pogba, Mourinho getta acqua sul fuoco: «Non mi ha mai chiesto la cessione»

pogba
© foto www.imagephotoagency.it

I tifosi della Juventus sognano il ritorno di Paul Pogba in bianconero, ma José Mourinho prova a stoppare le voci di mercato

Il Manchester United sta passando un momento di crisi. I Red Devils sembrano i lontani parenti di quelli vincenti durante il regno di Sir Alex Ferguson. E proprio da quando Ferguon se ne è andato, la squadra non è più riuscita a imporsi. Per questo, la dirigenza americana ha affidato la panchina a José Mourinho. Lo Special One, alla prima stagione, ha risposto con tre titoli, e sembrava che lo United sarebbe presto tornato ai livelli soliti. Ma dopo quella prima annata ricca di successi sono nati i problemi, ed ora Mourinho è in forte discussione.

L’allenatore portoghese sta pacando i brutti rapporti con molti elementi dello spogliatoio. In particolare con Paul Pogba, sempre più malinconico a Manchester. Sono ormai mesi che si vocifera che il francese voglia lasciare l’Inghilterra, e qualche giorno fa avevamo riportato l’indiscrezione secondo cui Raiola avrebbe promesso di portarlo via la prossima estate. A cercare di gettare acqua sul fuoco, però, ci ha pensato lo stesso Mourinho, durante la conferenza stampa di ieri: «Paul è tornato dopo le vacanze post Mondiali la settimana prima che cominciasse la Premier, per cui siamo stati insieme un paio di mesi e durante questo periodo non mi ha mai detto di voler andare via. Posso solo commentare quello che è reale per me, non quello che leggo o che sento perchè non ho alcun rapporto diretto con chi scrive o dice certe cose. Il rapporto diretto ce l’ho col giocatore che non mi ha mai detto di voler andare via, per cui presumo voglia rimanere. Se dovessi vedere Raiola in tv dire che il giocatore vuole andare via e che sta cercando un modo perchè succeda, allora ci crederò».

Articolo precedente
Juventus-Sassuolo, sarà partita vera. Ma il rapporto tra le società è forte
Prossimo articolo
MandzukicValencia, Marcelino non vuole distrazioni: «Prima il Betis, poi la Juventus»