Connettiti con noi

Hanno Detto

Ronaldo e Georgina, nostalgia Juve? «Amavo vivere a Torino»

Pubblicato

su

Ronaldo e Georgina, nostalgia Juve? «Amavo vivere a Torino». Le dichiarazioni della modella e influencer argentina

Georgina Rodriguez ha raccontato cosa significhi adeguarsi allo stile di vita di Cristiano Ronaldo, non nascondendo anche una certa nostalgia per Torino, la città che ha accolto CR7 e la sua famiglia nel suo triennio targato Juventus. Di seguito le sue parole al Sun.

GEORGINA – «Siamo come qualsiasi altra famiglia, facciamo colazione insieme, poi Cris va ad allenarsi e io preparo tutto ciò che serve, sia la casa, la vacanza o il prossimo progetto professionale. Amavo moltissimo vivere a Torino era tutto molto vicino. La neve, se vogliamo sciare. Il mare, al Principato di Monaco. Se invece ci si vuole concedere una giornata di moda, a Milano. Se devo organizzare le vacanze estive invece opto per una casa con molte stanze e una piscina privata. Deve esserci anche un accesso al molo e un pezzo di terra per passeggiare con i bambini senza dover lasciare la villa per una passeggiata insieme».

CUCINA – «La prima volta che sono andata a casa di Cristiano mi sono persa alla ricerca della cucina. A volte impiegavo anche mezzora per tornare dal soggiorno perché non conoscevo la strada. Era così grande. Ho impiegato sei mesi prima di capire dove fosse tutto. E dopo mi sono dedicata a rendere il più possibile omogeneo l’arredamento. Non mischiare i motivi con il marmo e le luci. Non utilizzare fiori di plastica, non comprare nuovi libri».

MAMMA – «Sono fortunata. Lavoro da casa, mi prendo cura dei miei figli. Sono super felici ovunque andiamo perché abbiamo le risorse per inserirli nelle migliori scuole e nelle migliori attività extracurriculari. Ho la libertà di non dovermi alzare alle sette del mattino e di tornare alle 21 come succede a molte mamme. Ho i mezzi economici che mi permettono di stare a casa e occuparmi personalmente dell’educazione e della crescita dei ragazzi. Significano tutto per me».