Silvestri: «La Juve senza Cristiano Ronaldo è priva di un fenomeno»

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Marco Silvestri, portiere del Verona, ha parlato in vista della sfida contro la Juventus: ecco le parole dell’estremo difensore

Marco Silvestri, intervistato da Tuttosport, ha parlato dell’imminente sfida tra Juventus e Verona. Le sue parole.

LA GARA«Mi aspetto una grande squadra, fortissima e che vorrà vincere a ogni costo, come sempre. Probabilmente sarà migliore e ancora più rodata rispetto a Kiev e soprattutto a Crotone. Un po’ come noi, che abbiamo cambiato tanto in estate, anche i bianconeri stanno cercando la propria identità».

CRISTIANO RONALDO«Innanzitutto auguro a Cristiano, come a tutte le persone alle prese con il Covid, di guarire presto. Fatta questa premessa, è davvero difficile scegliere. Affrontare uno dei migliori giocatore del mondo e della storia non capita tutti i giorni ed è sempre molto affascinante, soprattutto per un portiere. Se non ci dovesse essere Ronaldo, la Juventus sarebbe priva di un fenomeno, però Pirlo ha tantissimi altri campioni. Quello che viene, viene. In ogni caso sarà durissima. Sto studiando Ronaldo, Dybala e tutti i possibili rigoristi, poi vedremo chi giocherà».

JURIC«Ci chiede soprattutto due cose: coraggio e rispetto della nostra identità. Juri vuole che andiamo a giocarcela allo Stadium senza paura e senza snaturarci nonostante ci troveremo di fronte una Juventus fortissima».

SZCZESNY «Cosa gli invidio? La capacità di stare presente nella partita ogni secondo, anche quando è chiamato ad un intevento difficile dopo 15-20 minuti senza pericoli e con il pallone che magari è sempre stato nella metà campo avversaria. Non è semplice stare sempre sul pezzo. Szczesny è un top e la sua carriera parla per lui: Arsenal, Roma, Juventus. Al momento i migliori al mondo sono Donnarumma, Alisson e Oblak. A ruota Neuer e Szczesny».

MAGLIA A SZCZESNY O BUFFON«Ci provo con Buffon. Ho già 3-4 magliette di Gigi, ma per lui ho una sorta di venerazione: da ragazzino era il mio idolo, assieme a Dida».

LEGGI ANCHE: Juve Barcellona, ecco perché Cristiano Ronaldo può ancora giocare

Condividi