Connettiti con noi

Hanno Detto

Spinazzola: «Sarà una Serie A avvincente. Mourinho? Mi sta aspettando»

Pubblicato

su

L’ex Juve Spinazzola è tornato nella sua città natale Foligno per ricevere un premio dall’amministrazione comunale. Le dichiarazioni

(Gabriele Grimaldi, inviato a Foligno) – Leonardo Spinazzola è tornato a Foligno, sua città natale, per ricevere un riconoscimento da parte del sindaco e l’abbraccio dei suoi concittadini dopo la vittoria agli Europei con l’Italia.

Il terzino della Roma, a margine della cerimonia, ha parlato del suo recupero dall’infortunio al tendine d’Achille e del futuro.

Le dichiarazioni dell’ex Juve.

RECUPERO«Mi hanno detto di stare fermo col piede, ma io dopo due giorni già lo muovevo. Mi pongo l’obiettivo di novembre per avere un obiettivo in testa e lavorare meglio. L’importante è riprendermi, poi un mese in più o uno in meno non importa, basta che sto bene quando rientro».

OBIETTIVO«L’obiettivo ora è riprendermi e fare una grande stagione con la Roma. Poi penseremo al Mondiale, ancora è lunga la strada».

CAMPIONATO – «Sarà avvincente. Tutte le squadre hanno cambiato, alcune anche i rispettivi mister. Secondo me si è alzato il livello. Sarà un campionato più agguerrito».

RITORNO DEL PUBBLICO«Inciderà tanto, ma è la cosa più bella che ci sia nel calcio il pubblico. Lo abbiamo visto agli Europei».

MOURINHO – «Mi sta aspettando, ho conosciuto il mister. E’ una persona vera, tosta, dice quello che pensa. E’ un pregio per un allenatore e una cosa molto importante nella vita in generale».

EUROPEO – «Sono contento si sia parlato di Spinazzola, dell’Italia, del gruppo, della gioia che abbiamo dato a tutti gli italiani. E’ stata questa la vittoria più importante di questo Europeo: dare una gioia dopo questo anno e mezzo infermale che ci ha coinvolto. La medaglia? La porterò sempre con me, non so dove. Farò una stanzina apposita…».

MESSAGGIO«Ai bambini che sognano di diventare come me dico di divertirsi prima di tutto, che è alla base di tutto. è importante anche non mollare mai nei momenti difficili. per arrivare bisogna fare tanti tanti sacrifici».

OTTIMISMO «La mia vita è fatta di sorrisi. Ho la fortuna di avere gente che mi ama. E’ normale che ci sono momenti difficili, ma c’è sempre chi sta peggio e dobbiamo guardare sempre il lato positivo della vita. Ora mi godrò i miei figli e la mia famiglia, poi ripartirò più veloce e forte di prima».