Connettiti con noi

Hanno Detto

Stramaccioni: «Sogno la prima squadra. Alla Juve è tutto diverso»

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Il difensore della Juventus U23 Stramaccioni: «Sogno la prima squadra, lavoro per questo. Alla Juve è tutto diverso»

Diego Stramaccioni, difensore centrale della Juventus U23, ha racconta i suoi primi mesi in bianconero. Di seguito le sue parole ai canali ufficiali del clu bianconero.

RENDIMENTO – «La squadra sta bene, veniamo da una vittoria importante ma stiamo già pensando alla partita di domenica. Io personalmente sto bene, sto attraversando un buon momento grazie allo staff e a tutti i miei compagni che mi mettono a mio agio e mi danno l’opportunità di esprimermi al meglio».

IDOLO – «Il mio modello è Chiellini, mi rivedo in lui nella cattiveria. Ho avuto anche il modo di incontrarlo di persona e di allenarmi con lui in prima squadra».

ALLENAMENTI IN PRIMA SQUADRA – «Ero emozionatissimo, fino a due anni fa non pensavo minimamente di arrivare ad allenarmi con loro. Mi ha colpito l’umiltà che hanno nei nostri confronti, ci salutano e ci chiedono come stiamo. In campo anche tecnicamente hanno una marcia in più, ma è sempre bello confrontarsi con loro».

AMBIENTAMENTO – «Per me non è stato facile ambientarmi, è molto superiore di quello che mi aspettavo: dagli impianti allo staff, tutti sono molto preparati e hanno grande esperienza. Oggi mi sento come a casa. Conoscevo Ranocchia. Le prime settimane ero un po’ a disagio, ma poi mi sono inserito bene».

JUVE – «Il mister ci dice sempre che tutti danno il massimo per dare la Juventus. L’anno scorso abbiamo fatto un campionato per salvarci, ho respirato dinamiche differenti. Qui è diverso, siamo tutti molto giovani e dobbiamo migliorare».

MIGLIORAMENTI – «Ora devo migliorare il piede debole, la scelta del passaggio e anche qualche colpo di testa. Sono piccolezze c he però fanno differenza».

OBIETTIVI – «Pensiamo settimana dopo settimana, il sogno sarebbe la prima squadra ma rimaniamo umili e lavoriamo giorno dopo giorno come è giusto che sia».