Connettiti con noi

Hanno Detto

Travaglio: «Draghi e Ronaldo, non si comanda così. Ci si deve candidare»

Pubblicato

su

Marco Travaglio usa una metafora articolata per definire il premier Mario Draghi: ecco le parole del giornalista

Marco Travaglio, dagli studi di La7, fa un paragone molto articolato tra Draghi e Ronaldo.

«Non c’è nessun CR7 che decide al posto della politica. Per fare delle riforme serie ci vuole una maggioranza coesa che più o meno la pensa allo stesso modo. C’è un modo da innamorati e lì al cuore non si comanda. C’è ancora chi pensa che i presidenti del Consiglio debbano essere Ronaldo. Mi ricorda la retorica berlusconiana del ‘ghe pensi mi’ e del ‘lasciamolo lavorare’. Purtroppo è una retorica totalmente incompatibile con le democrazie, nel senso che nelle democrazie non comanda Ronaldo. Ronaldo se vuole fare politica, si candida oppure diventa leader di un partito».