A casa con la Juve: le parole di Barzagli, Matri e Pirlo

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Nuovo appuntamento di “A casa con la Juve”: i protagonisti di mercoledì 1 aprile sono Andrea Barzagli e Alessandro Matri

Torna il format “A casa con la Juve”. Questa volta i protagonisti della giornata sono Andrea Barzagli, ex difensore bianconero ora nello staff di Sarri, e Alessandro Matri, attaccante che ha indossato la maglia della Vecchia Signora. A sopresa si è unito anche Andrea Pirlo.

BARZAGLI«Passo le giornate con degli step da fare, sono a Torino, putroppo da solo, mi sveglio, faccio colazione, leggo un libro, faccio due chiamate. Per fortuna ho il tapis roulant. Il pomeriggio diventa un po’ lungo, poi mi faccio un aperitivo con i miei amici».

MATRI «Io non riesco a farmi nemmeno gli step. Io sono a Milano, con Federica e le due bambine e la giornata è bella impegnativa. Non mi taglio la barba perchè ad alcuni bruttini come Barzagli li ha fatto diventare carini».

IO O LUI «Il più simpatico? Tutti e due. L’Harlem Shake fu una perla. Il più attraente? Barzagli».

PIU FORTE PALLA AL PIEDE BARZAGLI –  «Matri è un ex difensore centrale che è diventato attaccante. Dopo tre metri se la scordava dietro».

PRESSIONE MATRI – «Soffrivo assai la tensione, sono famoso per l’ascella sudata, pefchè se non segnavo entro i primi 40 minuti avevo già il cambio pronto».

CUCINA BARZAGLI – «Io non so cucinare, adesso cucino per me ma cose semplici. Sono tornato come quando avevo 18-19 anni. Ero famoso per il mio tiramisù, ma adesso è un anno che non mi viene più bene».

RIGORISTA BARZAGLI «Io ne ho tirati 3 in vita mia, tra cui quello con l’Atalanta».

RIGORISTA MATRI «Io penso sia più bravo Barzagli, io ne ho tirati 8 in carriera e ne ho sbagliati quattro».

BARZAGLI SUL FUTURO MATRI «E’ finito da alcuni anni ma non lo sa. Scherzi a parte, può approfittare di questa pausa forzata: si riaprirà il mercato e potrà dimostrare il suo valore».

ORGOGLIO CALCISTICO BARZAGLI – «Ho avuto una carriera piena, sono orgoglioso per quello che sono diventato come calciatore. Mi rivedo dalla Cattolica Virtus fino alla Juventus».

MATRI SPORTIVO «A me piace il tennis. Poi avevo iniziato a Paddle, ma questa quarantena mi ha bloccato».

MUSICA MATRI«Io sono per le italiane, ascolto cantanti come Vasco, Ligabue e Grignani. Barzagli nello spogliatoio pompava con le casse».

MUSICA BARZAGLI «Io sono un appassionato di musica, soprattutto di rock straniero, svario molto».

SCHERZI MATRI«Io ero uno famoso per essere vittima di battute. Mi prendevano in giro sia in campo che fuori, soprattutto Pirlo».

SCHERZI BARZAGLI «Ne ho ricevuto diversi lo scorso anno dai sudamericani. Mi sono ritrovato la macchina incellofanata e riempita di coriandoli. Ci sono voluti cinque lavaggi per farla tornare pulita».

NUMERO 15 «Quando sono arrivato non si potevano scegliere numeri sopra il 35. Io ho sempre avuto il 43, quindi ho scelto il 15. Se proprio dobbiamo trovare una spiegazione, i miei figli sono nati uno il 13 e l’altro il 2».

PIRLO «Ha ancora problemi Matri, non vedete in che stato è? L’hanno fatto smettere di giocare tutti. Spera che il mercato vada avanti continuo, così qualcuno potrebbe acquistarlo».

SINISTRO MATRI VOTATO DA PIRLO – «Voto 6 nel tiro, nel cambio gioco un 4,5. Mi è rimasto troppo in testa quel cambio di gioco».

COLPO DI TESTA PIRLO VOTATO DA BARZAGLI«Inguardabile. In Nazionale mi ricordo che entrò Carrol, e Pirlo gli prese due palle di testa. Non penso abbia mai segnato di testa».

PIRLO DI TESTA«Ho segnato di testa, almeno 4-5 gol. Uno di questi con la Reggina, contro il Pama con Buffon in porta».

PIRLO SOLO DI SINISTRO«Ho fatto due-tre partite con una distorsione al ginocchio e ho giocato solo con il sinistro. L’ho fatto contro il Lecce, il Novara e contro il Napoli. Nessuno se n’è mai accorto».

SPOGLIATOIO PIRLO«Io avevo il poster di Peluso in camera in ritiro».

GOL CON LA JUVE PIRLO«Sicuramente quello contro il Torino nel derby, perchè era all’ultimo minuto».

GOL CON LA JUVE MATRI«Di sicuro quello alla Lazio in Coppa Italia, perchè è stato decisivo e anche l’ultimo in bianconero».

GOL CON LA JUVE BARZAGLI«Ne ho fatti due, entrambi all’Atalanta. Sono legato al rigore segnato all’Inter in Coppa Italia».

Condividi