Barzagli, seconda parte: «Ho sbagliato ad andare nella Juve di Sarri. Esperienza molto limitante. Ora...»
Connettiti con noi

Hanno Detto

Barzagli, seconda parte: «Ho sbagliato ad andare nella Juve di Sarri. Esperienza molto limitante. Ora…»

Pubblicato

su

Barzagli, seconda parte: «Ho sbagliato ad andare nella Juve di Sarri. Esperienza molto limitante. Ora…». Le parole dell’ex bianconero

Andrea Barzagli, ex difensore della Juventus, ha rilasciato un’intervista a La Stampa.

BONUCCI – «Perfetto col Napoli? Non era facile dopo 12 sconfitte di fila. Ha fatto una buona gara e spero possa ripartite con l’Union Berlino. Divorzio traumatico? Ci siamo parlati, ma non mi sarei permesso di dare consigli: ognuno vive le proprie situazioni. purtroppo nessuno è uscito bene, si poteva finire in modo diverso».

CHIELLINI – «Sta benone. Ora smetterà, prenderà una pausa e il suo futuro lo vedo nella Juventus da dirigente»

FUTURO PERSONALE – «Ho ben chiaro cosa fare. Questo è il quarto anno che ho smesso e ho aperto un po’ gli orizzonti: faccio esperienze nuove e proverò a fare l’allenatore dopo aver fatto il corso. Fa parte di me e non così fretta di iniziare: non ho pressione, ma ho l’ambizione. Poi so che bisogna fare esperienze e piano piano proverò a buttarmi».

NELLO STAFF DI SARRI ALLA JUVE – «Di sbagliato c’era solo la fretta di voler restare dentro la Juventus: io avevo bisogno di staccare un anno da tutto. È stata un’esperienza molto limitante perché sono arrivato dopo e in un gruppo di lavoro che non conoscevo: non ho voluto proseguire perché sapevo che avrei dato il 50% e se devi dare poco, è inutile farlo. Non mi piace abbandonare, ma era il male minore».

CHIAMATA DA ALLEGRI – «Ci conosciamo bene e ci facciamo sempre delle battute».

MANCATO APPRODO IN NAZIONALE – «Mi era veramente piaciuta l’idea: ero super interessato ed era il contesto giusto per iniziare, in più c’era Buffon come capo delegazione. Purtroppo mi è andata male per molte cose: ho chiuso il tutto e riaperto nuovi orizzonti». 

DIFENSORE CHE APPREZZA DI PIU’ – «Acerbi è uno dei più continui, ma adesso aspetto la crescita di alcuni ragazzi: ne abbiamo bisogno per la Nazionale. Penso a Mancini e Bastoni, che possono e devono crescere ancora, oltre a Scalvini e Buongiorno. Ci servono perché abbiamo un Europeo da difendere e solitamente in Germania ci togliamo qualche soddisfazione».

QUI LA PRIMA PARTE DELL’INTERVISTA A BARZAGLI

Copyright 2023 © riproduzione riservata Juventus News 24 – Registro Stampa Tribunale di Torino n. 45 del 07/09/2021 - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 Editore e proprietario: Sport Review S.r.l P.I.11028660014 Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a Juventus Football Club S.p.A. I marchi Juventus e Juve sono di esclusiva proprietà di Juventus Football Club S.p.A.