Bergomi: «Eriksen? Il profilo perfetto era Vidal. Pirlo e Barzagli alla Juve…»

© foto www.imagephotoagency.it

Beppe Bergomi, ex giocatore dell’Inter e telecronista, parla del club nerazzurro e non solo: le sue parole

Sulle pagine de La Gazzetta dello Sport, Beppe Bergomi parla dell’Inter e non solo.

INTER«Eriksen ha portato qualità che prima non c’erano: penso al tiro da fuori, ai calci di punizione e all’assist. Ma non ama andare a contatto con l’avversario, i duelli corpo a corpo. E non ha quella ferocia e quel ritmo che invece Conte chiede alle sue squadre. Ecco, il profilo perfetto era Vidal: tuttocampista da corsa, pressione, muscoli e gol. Lui avrebbe da subito cambiato l’Inter perché ha tutte le qualità che richiede un allenatore come Antonio».

CONTE, PIRLO E BARZAGLI – «Certo, ma loro sono italiani e c’è una grande differenza. Pirlo arrivò a Torino dopo una carriera in cui aveva vinto tutto mentre Barzagli rientrava da una esperienza all’estero dopo essere cresciuto in Italia. Si erano già imposti nella nostra Serie A e non dovevano fare conti con la conoscenza della nuova realtà. In Italia il calcio è molto tattico e chi arriva da fuori ha bisogno di un periodo di adattamento».