Chiesa tra campo e mercato: al via la missione riscatto per aiutare la Juve
Connettiti con noi

News

Chiesa tra campo e mercato: al via la missione riscatto per aiutare la Juve

Pubblicato

su

Chiesa tra campo e mercato: al via la missione riscatto per aiutare la Juve. L’attaccante deve dare dei segnali già dal match con l’Udinese

Chiesa ha bisogno della Juve. E la Juve ha bisogno di Chiesa. Ora più che mai in questa fase del campionato dove i bianconeri arrivano dall’amaro pareggio con l’Empoli e dall’amarissima sconfitta con l‘Inter. L’attaccante è tornato in campo proprio a San Siro dopo i problemi fisici che lo hanno tormentato in tutto il mese di gennaio.

L’attaccante italiano, viste le precarie condizioni di Vlahovic, si candida a tornare titolare lunedì prossimo allo Stadium contro l’Udinese. Per Chiesa sarebbe un nuovo punto di partenza in una stagione che per lui è stato un saliscendi continuo. L’ex Fiorentina è partito alla grande segnando il primo gol stagionale della squadra di Allegri proprio al debutto in campionato contro i friulani. Chiesa si è poi ripetuto con l’Empoli alla terza giornata fino all’exploit con la Lazio in tandem con Vlahovic e all’inutile squillo col Sassuolo. Da lì il lungo periodo di digiuno interrotto col rigore al Genoa.

Quella rete sembrava l’inizio dell’ennesima ripartenza dell’attaccante, ma i guai fisici lo hanno bloccato di nuovo. Nel contempo la Juve e Allegri hanno scoperto il talento di Yildiz che, con Vlahovic, ha trascinato i bianconeri a suon di gol e magie, “dimenticando” un po’ Chiesa. che il 16 gennaio trova il gol numero 6 in campionato colpendo anche una volta il Sassuolo per il 3-0 definitivo. Ma il fisico lo tormenta e un infortunio lo frena sino al match di San Siro.

I dati dicono che il campione d’Europa di Euro 2020 ha giocato 19 partite totali (18 in campionato e 1, superlativa, in Coppa Italia) per un totale di 1240 minuti in campo. L’ex Fiorentina è partito titolare in 14 occasioni, ma solo 4 volte ha portato a termine i match in cui è sceso in campo. I gol, come detto, sono stati 6 (in 6 partite diverse) di cui 1 decisivo e 2 utili a sbloccare il risultato iniziale.

Le qualità del giocatore non si discutono, ma in casa Juve sono in corso valutazioni attente sul suo futuro. Chiesa, infatti, ha il contratto in scadenza nel 2025 e dall’Inghilterra riferiscono che il Liverpool avrebbe pronta un’offerta da 45 milioni da presentare alla Juve nel corso del mercato estivo per portarlo in Premier League e fargli prendere il posto di Salah.

Sono due le questioni principali che Allegri e Giuntoli stanno considerando con il resto della dirigenza. La prima e più importante riguarda la tenuta fisica del giocatore che ogni tanto è costretto a fermarsi e a saltare alcune partite (5 in totale finora). Un problema non di poco conto per una squadra che ha in Chiesa un giocatore unico per caratteristiche.

La seconda questione concerne il rinnovo di contratto. Dopo i contatti risalenti allo scorso autunno, infatti, la trattativa con l’agente è entrata in una fase di stallo. Il motivo? L’entourage di Chiesa chiede uno stipendio da big della Juve (tipo Vlahovic) da 7 milioni, mentre i bianconeri chiedono garanzie prima di accettare. Sullo sfondo, come detto, c’è l’interesse del Liverpool.

Al momento, però, il pensiero di Chiesa non può che essere uno: il ritorno in campo con continuità con la missione primaria di aiutare la Juve e Allegri a rincorrere lInter per lo scudetto e a battere la Lazio in Coppa Italia. Per questo già la partita con l’Udinese acquista un’importanza significativa per l’ennesima ripartenza di Chiesa in maglia bianconera.

L’attaccante ha già dato dimostrazione di poter incidere con la Juve, di risollevarsi dopo il tremendo infortunio al ginocchio, di adattarsi al ruolo di seconda punta (a proposito, è questo il ruolo giusto per lui?) con risultati positivi. Ora Chiesa deve dimostrare ancora una volta di che pasta è fatto. Come? Giocando per riacquisire la forma migliore e rispondere anche a quelle malelingue che lo accusano di non avere abbastanza a cuore la causa della Juve e di fermarsi un po’ troppo spesso per piccoli infortuni. Il futuro è nei suoi piedi, nelle sue corse, nei suoi colpi di genio. La Juve non vede l’ora di riscoprire appieno uno dei più grandi talenti del calcio italiano.

Copyright 2023 © riproduzione riservata Juventus News 24 – Registro Stampa Tribunale di Torino n. 45 del 07/09/2021 - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 Editore e proprietario: Sport Review S.r.l P.I.11028660014 Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a Juventus Football Club S.p.A. I marchi Juventus e Juve sono di esclusiva proprietà di Juventus Football Club S.p.A.