Allegri: «Perin Rugani e Chiesa titolari. Miretti rimane alla Juve»
Connettiti con noi

Hanno Detto

Conferenza stampa Allegri: «Perin Rugani e Chiesa titolari. Miretti rimane alla Juve»

Pubblicato

su

Conferenza stampa Allegri: le parole alla vigilia di Juve Salernitana, valida per gli ottavi di finale di Coppa Italia 2023/24

(inviato all’Allianz Stadium) – Dopo il successo contro la Roma, la Juve vuole aprire il suo 2024 con una vittoria nello scontro casalingo contro la Salernitana in Coppa Italia.

Nel giorno di vigilia, mercoledì 3 gennaio, Massimiliano Allegri interviene alle 14 in conferenza stampa per presentare il match davanti ai media. Juventusnews24 segue LIVE le sue parole.

CLICCA QUI PER IL VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA DI ALLEGRI PRE JUVE-SALERNITANA

CON CHE SPIRITO SI COMINICIA- « Buon anno a tutti. Questa è un competizione a cui teniamo come ha sempre tenuto la Juve. Quest’anno giochiamo per la Coppa Italia e per il Campionato. Questa è la nostra entrata in Coppa Italia contro una squadra che ha vinto a Verona ed è in un buon stato di salute. Domani dobbiamo passare il turno e approdare ai quarti ».

TURNOVER – « Nonge non partirà titolare ma potrà avere spazio a partita in corso. Domani decido la formazione, Perin in porta, poi Rugani e Chiesa giocano sicuro, gli altri vediamo anche perchè abbiamo Locatelli squalificato. Andrà in campo la miglior formazione per ottenere il massimo risultato. Domani avremo lo stadio pieno e dobbiamo vincere sul campo perchè prima le vincono tutte. Dobbiamo aspettare domani sera».

MERCATO – « Del mercato lo dico sempre si occupano i direttori, che vigiliano attenti. Pogba e Fagioli non sono fuori da ora ma da 4-5 mesi… La squadra sta crescendo bene sia come singoli che come squadra e noi dobbiamo continuare a lavorare ».

COPPA ITALIA – «All’inizio non interessa a nessuno, ma dopo poi alla fine è sempre un trofeo. Qui alla Juventus se pareggi è una catastrofe, noi dobbiamo vincere il più possibile e fare il meglio possibile per affrontare il Frosinone.. ».

ATTACCANTI – «Domanda che mi è stata già posta, tutto si può fare ma dipende dai momenti, facciamo un passo alla volta. La squadra ha trovato una sua quadratura. Ora abbiamo la possibilità di giocare domani e se saremo bravi potremo giocare anche contro il Frosinone. Queste partite aiutano a mettere minuti nella gambe e far giocare chi ha giocato di meno, che comunque sono stati importanti fino ad ora. Quest’anno giocando meno partite alcuni giocatori sono stati un po’ sacrificati. L’obiettivo di tutti è di tornare a giocare la Champions l’anno prossimo ».

YILDIZ – « Domani non gioca. Momento? Quando un giocatore giovane gioca viene sempre esaltato. Deve rimanere sereno, non sono due partite che dicono se sei un grande giocatore o farai una grande carriera ma giorno per giorno. Alla fine della carriera uno fa i conti, il resto sono chiacchiere che in questo momento vengo strumentalizzate su un giocatore bravo ma con solo due partite alla Juve ».

VINCERE UN TROFEO – «Alzare un trofeo è sempre importante, giochiamo per vincere trofei sopratutto alla Juventus. Io sono abituato a fare un passo per volta. La Salernitana ha vinto a Verona, ha buoni giocatori ed è ben allenata. Un passo alla volta perchè se ci proiettiamo troppo in là non va bene ».

COPPA ITALIA O CAMPIONATO? – « Al campionato non penso, penso alla Coppa. Noi rappresentiamo la Juventus, qualunque partita che si giochi un’amichevole, di Coppa Italia, di campionato o di Champions va sempre fatta al meglio perchè sappiamo bene che un pareggio fatto in campionato per la Juve è diverso da un pareggio fatto dalle altre squadre in Italia, perchè le pressioni sono diverse, perchè a livello mediatico è diverso e ci sono oneri o onori. Quando si è alla Juventus devi essere cosi ed è il bello di essere alla Juventus siamo fortunati, vivere che va bene tutto non va bene ».

OBIETTIVI – «Del campionato ne parleremo sabato però in campionato mi sembra che abbiamo 43 punti e ora abbiamo l’ultima partita e poi dobbiamo incontrare di nuovo la Salernitana. Vincere le partite non è semplice anzi è sempre complicato. Noi dobbiamo essere bravi e più andiamo avanti e più il margine si assottiglia ».

MCKENNIE LEADER- «Non è cambiato ma è cresciuto, l’esperienza al Leeds l’ha maturato anche perchè non ha avuto una bella esperienza perchè sono retrocessi in Championship ed è tornato con grande voglia di fare bene e rimanere. Ha ancora 5 mesi davanti a lui e deve fare ancora meglio ».

GIOVANI IN PRESTITO?- «Di Miretti sono molto contento, in un anno e mezzo ha sempre giocato. Dopo Firenze ha fatto un gol importante che ci ha dato 3 punti troverà e avrà il suo spazio. Potrà solo che crescere e rimarrà alla Juventus ».

FAVORITA IN COPPA ITALIA«In campionato è un percorso diverso dalla Coppa Italia. Basti vedere l’eliminazione dell’Inter e del Napoli. Domani bisogna avere le antenne molto alte perchè in una partita piò succedere di tutto. Normale che in 38 partite vengono fuori i valori, ma in una partita può succedere di tutto ».

Copyright 2023 © riproduzione riservata Juventus News 24 – Registro Stampa Tribunale di Torino n. 45 del 07/09/2021 - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 Editore e proprietario: Sport Review S.r.l P.I.11028660014 Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a Juventus Football Club S.p.A. I marchi Juventus e Juve sono di esclusiva proprietà di Juventus Football Club S.p.A.