Connettiti con noi

Hanno Detto

Conferenza stampa Allegri post Juve Malmoe: le dichiarazioni – VIDEO

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Conferenza stampa Allegri post Juve Malmoe: le dichiarazioni del tecnico bianconero dopo la partita dello Stadium

(inviato all’Allianz Stadium) – Massimiliano Allegri ha parlato in conferenza stampa dopo Juve Malmoe.

GIOVANI E BILANCIO – «Sono contento dei ragazzi che hanno giocato stasera, chi pochi minuti chi come De Winter ha giocato di più. Hanno fatto bene e si vede che sanno giocare a calcio. Sono contento del primo posto, vincere le partite non è semplice, soprattutto in trasferta. Bisogna mettere da parte la qualificazione e pensare a Venezia. Per questo sono preoccupato: non mi è piaciuto il secondo tempo, veniamo da tre vittorie senza prendere gol e andiamo a giocare su un campo difficile, più stretto, particolare. Qui nessuno lo conosce, le partite sono più strane e serve un approccio giusto. Per noi sarà molto importante e difficile. C’è subito da mettere da parte questa partita, perché sabato alle 6 giochiamo. Visto il secondo tempo che abbiamo allentato la tensione, non vorrei arrivare su questa lunghezza d’onda».

BENTANCUR – «Volevamo dare pressione in avanti, Rabiot più vicino ad Arthur da mediano, con Bentancur più offensivo sulla sinistra. La squadra ha fatto bene, nella ripresa ha avuto un approccio non bello. Abbiamo sbagliato molto e creato molto. Va migliorato anche questo. C’è da stare sereni, ma non possiamo avere una percentuale così bassa realizzativa».

ARTHUR – Buona prestazione, sono contento. Come anche di Rugani, di De Winter. Sono stato contento di tutti nel primo tempo, nella ripresa abbiamo allentato la cinghia. In vista di Venezia non deve accadere».

DYBALA – «Non si sentiva tanto bene, ho preferito toglierlo. Non ha niente, assolutamente».

DE SCIGLIO – «Mattia sta bene».

DE WINTER – «Lui è più un centrale, ha qualità tecnica nella dimestichezza tecnica. Può giocare anche a tre. Stasera ha giocato con personalità»

SECONDO TEMPO – «Siccome avevamo fatto un buon primo tempo, pensavamo che la partita si riaddormentasse un po’. Loro hanno messo qualche palla in area. Sbagliando tecnicamente non avevamo il controllo della partita, ecco cos’è successo».

VENEZIA PRIMA DEL SORTEGGIO – «L’ho detto prima della partita, non sono segnali. Siamo primi, non sappiamo cosa esce dall’urna, giocare gli ottavi non sarà facile. L’unica preoccupazione che ho seriamente è Venezia. Visto l’andamento è la partita più a rischio. A livello mentale c’è da prepararla al meglio».

Advertisement

Facebook

Advertisement