Conferenza stampa Chiesa: «È un onore essere alla Juve» – VIDEO

Iscriviti

Conferenza stampa Chiesa: le parole del nuovo acquisto della Juve, arrivato nella sessione estiva dalla Fiorentina

Federico Chiesa è uno degli acquisti della sessione estiva della Juve. Acquistato nelle ultime ore del calciomercato Juve, il figlio d’arte ha già esordito con la maglia bianconera.

Nella giornata di oggi, 30 ottobre, Chiesa ha parlato in conferenza stampa a partire dalle ore 15, presentandosi ai giornalisti e ai tifosi. Juventus News 24 ha seguito LIVE le sue parole.


PRESENTAZIONE – «Avrei voluto fare questa conferenza 20 giorni fa ma causa bolla e incontri ravvicinati non si è potuta fare prima. Ci tengo oggi a ringraziare la Fiorentina, la città di Firenze per questi 14 anni. Ringrazio anche il presidente Della Valle e il presidente Commisso che mi hanno supportato nel bene e nel male».

LA JUVE – «Quando ho saputo della Juve per la prima volta è stato negli ultimi giorni di mercato. Ringrazio la Juve per avermi cercato e per aver fatto uno sforzo economico. Sono orgoglioso di vestire questa maglia prestigiosa».

ADDIO ALLA FIORENTINA – «Non voglio fare polemiche. Le offese a mio fratello penso che chi le ha fatte non siano persone che tifano Fiorentina ma siano degli haters che usano social per invidia personale, ora guardo avanti e al futuro e alla Juve».

IL COSTO DEL TRASFERIMENTO – «Io penso a scendere in campo e ad aiutare i miei compagni. C’è un po’ di pressione per l’investimento importante ma io penso a fare bene. Devo ancora imparare, sono felice. E’ tutto nuovo per me ma sono a disposizione».

COMMISSO – «Io mi sono comportato sempre in maniera corretta verso di loro, il discorso lo chiudo io qui».

NOVITA’ – «Il mister ci chiede una precisa disposizione in campo. Noi scegliamo in campo per vincere sempre anche se siamo in costruzione. Il mister ci schiera in modo diverso rispetto alla Fiorentina ma io sono a disposizione, gioco dove mi chiede di giocare».

RUOLO – «Io posso giocare a destra ma anche a sinistra, dipende dove mi vuole far giocare il mister».

RONALDO – «Non ho avuto il piacere di salutarlo e di allenarmi ma sarà una gioia vederlo».

DIFFERENZE BARCELLONA – «Io sono l’ultimo arrivato e mi sto allenando da poco con questa nuova mentalità e questa nuova disposizione in campo ma penso che col tempo e col lavoro duro riusciremo a ottenere grandi risultati, seguendo l’allenatore perché tutti qui seguiamo l’allenatore».

VETERANI – «Buffon, Bonucci e Chiellini hanno lasciato un’impronta nel calcio italiano e mondiale. I consigli non sono solo a voce ma anche nei loro atteggiamenti, vederli nello spogliatoio già ti insegna qualcosa. Spero anch’io di lasciare un’impronta ma la strada è lunga e c’è tanto da migliorare».

CHAMPIONS – «Per me è la prima volta, le sensazioni sono state fantastiche. Giocare in Champions per la Juve è stata una sensazione unica. A Kiev abbiamo fatto molto bene, col Barcellona un po’ meno ma lavorando insieme nelle prossime settimane sicuramente arriveranno poi i risultati».

RISULTATI – «Siamo in costruzione ma siamo alla Juve e qui bisogna vincere ogni partita. Vogliamo vincere, portare risultati e siamo uniti, con la testa già allo Spezia».

LA FAMIGLIA – «Ora sono a Firenze, non sono qui causa Covid, spero che verranno a trovarmi presto. Mio padre mi ha detto di godermi questa nuova avventura perché è stupendo stare qui».

SPEZIA – «È una partita fondamentale per il campionato. Vincere sarà importantissimo. Andremo là per imporre il nostro gioco con il nostro gioco, con intensità per portare a casa i tre punti».

LEGGI ANCHE: Pirlo-Chiesa, il consiglio dell’allenatore all’esterno: ecco cosa gli ha detto

Condividi