Conferenza stampa D’Aversa: «Con Juve serve partita perfetta»

© foto www.imagephotoagency.it

Domenica sera all’Allianz Stadium arriverà il Parma per la sfida di campionato. D’Aversa presenta il match in conferenza stampa

Dopo la sconfitta in Coppa Italia, il Parma è pronto a ripartire fin da subito. I crociati, domenica sera, arriveranno a Torino per la sfida di campionato contro la Juve. Alla vigilia, Roberto D’Aversa presenta il match in conferenza stampa. Ecco i passaggi salienti

KULUSEVSKI – «Dejan viene visto in maniera diversa in questo momento. Prima era il ragazzo che veniva dalla Primavera, ora deve essere ancora più bravo. La Juve ha fatto un investimento importante e ora verrà giudicato come un giocatore importante che il prossimo anno giocherà in una big. Il mio consiglio è di dove va in campo per strafare può avere difficoltà, deve andare in campo e giocare in maniera serena e divertirsi. Deve fare ciò che sa fare con le sue armi, in maniera serena per l’età che ha».

GERVINHO – «Si era prefissato un minutaggio per evitare ricadute. Durante la settimana ha sentito un riacutizzarsi del problema sul flessore».

JUVENTUS – «Indipendentemente dal sistema di gioco, dove alternano un attaccante e un centrocampista, nel girone d’andata giocavano col 4-3-3, quasi un 4-4-2. Sono cambiati sotto l’aspetto fisico e nell’interpretazione della gara, con un possesso non fine a sé stesso e sono bravi negli spazi stretti. Non è una partita semplice, bisogna essere bravi quando si recupera alla. Siamo consapevoli che affrontiamo una squadra forte che sta bene, ma di impossibile non c’è nulla. Come siamo stati bravi l’anno scorso, dobbiamo provare a fare la partita perfetta perché difficilmente usciremo con punti altrimenti».

PARTITA – «La Juventus ha giocato mercoledì e noi giovedì ma nessuno ci fa caso qui a Parma. Anche la Juve in Coppa ha messo in campo atleti che hanno giocato meno. Troveremo una squadra che dal punto di vista fisico e mentale sta vivendo un ottimo momento, dipenderà molto da come interpreteremo la gara».