Connettiti con noi

Hanno Detto

Conferenza stampa Pirlo post Juve Napoli: le parole dell’allenatore

Pubblicato

su

Conferenza stampa Pirlo post Juve Napoli: le parole del tecnico dopo la sfida valida per il recupero della 3ª giornata di Serie A

(inviato all’Allianz Stadium) – Andrea Pirlo ha parlato in conferenza stampa dopo la partita tra Juve e Napoli. Di seguito riportate le sue dichiarazioni.


RISULTATO – «È importante per la classifica e per riportare un po’ di autostima dopo qualche partita non brillante. Avevamo bisogno di riprendere la marcia un uno scontro diretto con il Napoli che veniva da tanti risultati positivi. Ci serviva questo tipo di partita e risultato».

PARTITA – «Avevamo preparato questa gara con due esterni alti offensivi per bloccare i loro terzini. Avendo un terzino come Danilo che andava in mezzo al campo con Bentancur e Rabiot. Sapevamo che loro spingevano molto con gli esterni bassi e hanno dovuto rinunciare. È andata bene».

DYBALA – «Non lo abbiamo mai avuto, è stato disponibile per poche partite. Fa la differenza in qualsiasi squadra».

PUNTI PERSI – «Abbiamo perso tanti punti, non solo col Benevento. Abbiamo lasciato troppe occasioni che ci hanno portato a questo distacco dall’Inter. Quando ti sacrifichi in undici per tutta la partita poi ne trai giovamento. Anche Ronaldo è stato bravissimo a rientrare quando qualcuno era fuori posizione».

BENTANCUR – «Stasera ha fatto un’ottima partita. Ha sbagliato pochissimo. Dopo la partita di Porto aveva perso sicurezza, oggi non ha sbagliato quasi mai recuperando palloni e giocandoli con lucidità».

INTENSITA’ – «È quello che abbiamo in testa, lo voglio io e i giocatori. Quando riusciamo a farlo portiamo a casa i tre punti».

SCELTA BUFFON – «Era già pensata, ma siccome c’erano state critiche verso Szczesny ho detto che avrebbe giocato ieri. Avevo parlato col ragazzo, era già stanco dopo le tre partite in Nazionale. Avevo già in testa di far giocare Buffon ma il titolare resta Tech».

RAMMARICO – «Un po’ dispiacere c’è. Ma non possiamo tornare indietro. Lo spirito della Juventus è questo. Quando ti sacrifichi l’uno per l’altro hai l’energia per rendere al meglio. Oggi abbiamo giocato con a due tocchi contro una squadra tecnica e aggressiva. Siamo stati bravi in impostazione, sfruttando poi i due esterni alti nell’uno contro uno».

FIDUCIA DELLO SPOGLIATOIO – «Non ho mai avuto dubbi. Ho sempre avvertito la fiducia dei giocatori. A volte capita di far bene, a volte male. Può capitare che giocando così tanto con così tanti problemi di avere delle partite non al nostro livello. Non doveva capitare, ma è andata così. Continuiamo con la stessa energia e la stessa filosofia».

FINALE – «Un po’ di sofferenza ci sta. Hanno messo tanti attaccanti e portato tanti giocatori in fase offensiva ma un po’ di sofferenza ci può fare anche bene».

Continua a leggere
Advertisement