Connettiti con noi

News

Conferenza stampa Ranieri post Sampdoria-Juve: le parole – VIDEO

Pubblicato

su

Conferenza stampa Ranieri post Sampdoria-Juve: le parole del tecnico dopo la sfida valida per la 20esima giornata di Serie A

Claudio Ranieri ha parlato in conferenza stampa dopo la partita tra la Juve e la Sampdoria. Di seguito riportate le sue dichiarazioni.


LA GARA «Ho visto i ragazzi non rinunciatari però abbiamo perso troppi palloni in uscita e forse ha dato forse poco respiro a noi che giocavamo. Le fasi più delicate sono state proprio la perdita della palla e loro che ci hanno contrattaccato. Quando loro avevano la palla loro noi eravamo messi bene in campo e loro non riuscivano a trovare la via d’accesso dentro la nostra area di rigore. Quando prendevamo palla volevo che si riuscisse ad impensierirli in contropiede e invece non ci siamo mai riusciti».

ANDATA – «Progressi ci sono stati. Avrei voluto un pochino più di determinazione da parte dei miei. I difensori della Juventus sono arcigni, hai tutto da imparare. I nostri attaccanti non si potevano girare che già avevano il difensore col fiato sul collo. Noi invece qualche li abbiamo fatti girare e questo non va bene. Bisogna saper rubare dall’avversario le cose belle».

PRESTAZIONE «Mi aspettavo un altro tipo di partita nostra. Mi aspettavo queste ripartenze che qualche volta ci sono state però più concretamente cioè andando a tirare in porta e invece non ci siamo mai riusciti. Abbiamo fatto alcune cose ma non quello ci aspettavamo tutti quanti perché l’avevamo preparata bene. I ragazzi stanno bene. Mi spiace per tutti quei palloni persi e aver portato un po’ di apprensione da parte nostra. Abbiamo tenuto la partita sul chi vive fino in fondo ma solo Quagliarella ha impegnato Szczensy, troppo poco. Mi aspettavo di più».

RISULTATO – «Quando tu ti esponi e vuoi riprendere la gara fino in fondo, è logico che poi in contropiede, se sbagli qualcosa, ti fanno gol perché la qualità è tanta. Però io devo fare i complimenti ai miei ragazzi e complimenti all’arbitro perché mi è piaciuto».

Continua a leggere
Advertisement