Connettiti con noi

Hanno Detto

Conferenza stampa Tuchel: «Lukaku a rischio. Vogliamo battere la Juve»

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Conferenza stampa Tuchel: le parole del tecnico dei Blues alla vigilia di Chelsea Juve, valida per la 5ª giornata di Champions League

La Juve affronta il Chelsea, in occasione della 5ª giornata della fase a gironi di Champions League. Bianconeri ormai sicuri della qualificazione agli ottavi, ma la sfida di Stamford Bridge mette in palio il primo posto nel raggruppamento.

Nel giorno di vigilia, lunedì 22 novembre, Thomas Tuchel interviene in conferenza stampa per presentare l’incontro. Juventusnews24 segue l’appuntamento LIVE.


LUKAKU – «Non sono ancora sicuro che Romelu possa giocare, vediamo come starà dopo l’allenamento, Parlerò col dottore e i fisioterapisti, può darsi che possa esser parte dei convocati dell’ultimo momento. Abbiamo sempre opzioni: sta ai giocatori mostrare il loro potenziale, devono essere pronti, è la vita al Chelsea. Quando Timo e Romelu non ci sono, dobbiamo avere altre soluzioni. In ogni caso Timo è a disposizione, è tra i convocati, Kovacic è out, Jorginho sta bene mentre Havertz ha avuto dei problemi ed è in dubbio».

APPROCCIO – «Proveremo a vincere la partita, è il nostro approccio alle partite. Non vogliamo certo mettere a rischio la qualificazione ma se ci sarà la chance di vincere la gara, ci proveremo».

SOLSKJAER – «Posso dire poco a riguardo, giochiamo domani, abbiamo giocato sabato. Pensiamo alla gara contro la Juventus, non voglio parlare delle decisioni del club su Solskjaer».

CHELSEA – «Qui sono nel posto migliore possibile, sono fortunato e felice di essere qui. E’ il club perfetto per me, cerco di trasmetterlo anche ai giocatori: sono nel miglior posto possibile. Arrivare a metà stagione e vincere non è facile, ma ripeto che non spetta a me rispondere sullo United”.

ABRAMOVICH – «Ci guarderà da vicino ma vogliamo performare a prescindere dal fatto che ci sia o meno. Lo stadio sarà pieno, è una gara importante, dovremo dare il massimo: se ci sarà domani saremo super felici ma non cambia l’approccio».

CLICCA QUI PER LEGGERE LA CONFERENZA DI ALLEGRI