Conte: «Grande rispetto per la Juve, ma vogliamo avvicinarci a loro» – VIDEO

Antonio Conte, allenatore dell’Inter, ha parlato alla vigilia della partita contro la Juve. Le dichiarazioni del tecnico

Ai microfoni di Inter TV, Antonio Conte ha presentato alla vigilia la sfida Juve Inter. Di seguito riportate le sue dichiarazioni.

COME ARRIVA L’INTER – «Sicuramente ci arriviamo nella giusta maniera, nonostante le difficoltà perché cambiare programmi, non giocare le partite non è stato semplice. Come ho detto ai ragazzi, dobbiamo essere bravi ad adeguarci in maniera veloce in queste situazioni. Dobbiamo continuare a lavorare duro e fare il nostro meglio».

PORTE CHIUSE – «Immaginarlo diventa difficile, perché il pubblico è importante quando si gioca a calcio in stadi importanti e in partite così belle. In questo momento delicato, però, la salute viene prima di tutto».

CONDIZIONI – «Sono buone, abbiamo dovuto cambiare programmi di lavoro per il rinvio delle partite ma abbiamo lavorato ed i ragazzi sono straordinari perché c’è grande voglia e disponibilità. C’è grande voglia di alzare l’asticella e giocarci queste partite con un significato per la classifica».

JUVE INTER – «I dettagli faranno la differenza, sappiamo di affrontare una squadra forte ed abbiamo grande rispetto. Da parte nostra c’è la voglia e l’ambizione di cercare tramite il lavoro di avvicinarci a loro».

IMPEGNI RAVVICINATI – «Non è semplice perché è una situazione delicata. Abbiamo famiglie e quello che sta accadendo non può passare inosservato, è inevitabile che comunque tutti quanti stiamo cercando di affrontare questa situazione nel migliore dei modi. Noi dobbiamo avere un programma ben chiaro in base alla partita. Dobbiamo preparare le cose con il giusto tempo da professionisti seri. Dobbiamo riportare un po’ i giusti valori, il calcio trasferisci valori umani e sportivi».

SFIDA SCUDETTO – «Per noi è importante alzare l’asticella, noi lo possiamo fare solo attraverso il lavoro. Va dato merito di averla alzato e soprattutto che queste partite hanno un significato di classifica”.

NUMERI – «Credo che sia la testimonianza del lavoro che stanno facendo i calciatori, gli sarò sempre grato per quello che stanno facendo ogni giorno. Vogliono essere competitivi. Quando ti giochi una partita così le statistiche ed i dati sono importanti».

LUKAKU-RONALDO – «Sono contento per Romelu perché al primo anno sta facendo molto bene. E’ l’esempio della squadra e del fatto che sta lavorando per migliorare sé stesso e la squadra. Sono contento per lui ma dietro c’è una squadra che lo sta supportando».

GETAFE – «Una partita ostica, combattuta, è la rivelazione del calcio spagnolo. Ha cattiveria, è solida e ha un allenatore molto bravo. Dobbiamo essere bravi e sappiamo di affrontare la partita di andata a porte chiuse. Affrontiamo una squadra che sta facendo benissimo in Spagna».

Condividi