Dani Alves, un prematuro addio che ha spiazzato la Juve

dani alves
© foto Massimo Pinca

Nonostante l’ottima stagione disputata in bianconero, il brasiliano ha chiesto la cessione a fine stagione ed è stato accontentato

Dopo i primi mesi di ambientamento ed un infortunio che l’ha tenuto dai campi per un paio di mesi, Dani Alves ha mostrato di che pasta è fatto nella seconda metà della scorsa stagione, facendo innamorare Allegri ed i suoi tifosi delle sue prestazioni. Ciononostante il brasiliano, forse a causa di quei misteriosi episodi accaduti in quella tragica notte a Cardiff, ha chiesto la risoluzione del contratto al termine dell’anno e la Juventus non ha potuto far altro che accontentarlo.

IL PATTO – Secondo Sky Sport, infatti, all’inizio della passata stagione il terzino verdeoro aveva stipulato un patto con la società secondo cui, qualora fosse giunta un’altra offerta allettante, avrebbe avuto la possibilità di risolvere il contratto coi bianconeri per vestire un’altra maglia. La Juve, tuttavia, vista l’ottima annata trascorsa da Dani Alves era convinta che è almeno un’altra stagione sarebbe rimasto a Torino: invece, la società campione d’Italia è rimasta spiazzata dalla decisione dell’ex Barcellona, il quale ha immediatamente chiesto la risoluzione del contratto per potersi accasare al Psg. La dirigenza bianconera, a quel punto, ha provato a rimpiazzare la partenza del brasiliano con l’innesto di De Sciglio, un giocatore più giovane ma che certamente non è all’altezza del neo terzino parigino.

Condividi