De Bellis (preparatore): «Chiellini come un cavallo da corsa, i suoi parametri…»

chiellini
© foto www.imagephotoagency.it

De Bellis (preparatore): «Chiellini come un cavallo da corsa, i suoi parametri…». Le dichiarazioni sulla nuova preparazione

Roberto De Bellis, professore e preparatore atletico, parla a Tuttosport della preparazione atletica delle squadre di calcio in vista della prossima stagione.

PREPARAZIONE ALLA NUOVA STAGIONE – «Non si tratta di prepararla. Il periodo di inattività può essere paragonato a quello di un semplice infortunio, una lesione di primo grado: e dopo un infortunio di quel tipo un giocatore non rifà certo la preparazione. L’obiettivo non è innalzare i parametri come nella preparazione classica, ma ripristinare situazioni già medio alte create dal campionato scorso. Le problematiche maggiori sono state date dalla modifica della standardizzazione: prima tutti sapevano che c’era un mese di stop, poi uno di preparazione. I preparatori comunque sanno benissimo che i carichi devono tener conto di tutte queste variabili – pause e impegni – e che venendo da un periodo intenso non ci sono grandi necessità di volumi. Serve lavorare sulle individualità. Consigliabile una ripresa graduale basata sulle caratteristiche dei singoli».

CHIELLINI – «Faccio l’esempio di due giocatori della Juventus con cui ho lavorato: Chiellini e Bonucci. Giorgio a causa della necessità di recuperare dall’infortunio in queste settimane di pausa non si è mai fermato e dunque la sua preparazione deve essere completamente diversa da quella di Leo che invece dopo la fine della stagione ha potuto fermarsi. Lui è un professionista che non stacca mai. Lo sento con una buona frequenza, parliamo solo del lavoro, della ripresa… Lo tiro fuori spesso come esempio, quando gli testavamo la risposta neuromuscolare aveva parametri da cavallo da corsa. Mi auguro che sia più fortunato».

Condividi