Donazione Paratici alla Usl di Piacenza: l’emozionante lettera al dirigente della Juve

paratici
© foto www.imagephotoagency.it

Donazione Paratici alla Usl di Piacenza: l’emozionante lettera al dirigente della Juve in seguito all’emergenza Coronavirus

Un gesto importante, quello compiuto quest’oggi da Fabio Paratici. Come svelato dai canali ufficiali dalla Usl di Piacenza, il direttore dell’area tecnica della Juve ha effettuato una donazione per l’ospedale della sua città, scrivendo anche un’emozionante lettera.

«Cari piacentini, forza. Stiamo uniti e rispettiamo il più possibile le regole e le indicazioni che ci vengono date: restiamo a casa. Piacenza soffre, tante persone stanno piangendo i loro cari, si straziano per non averli potuti salutare, e vivono nell’agitazione e nella paura. La nostra città è tra le più colpite da questo virus maledetto, ma noi piacentini non molliamo, ci stringiamo assieme e lottiamo. Non abito più a Piacenza da molti anni – sono quasi venticinque, tantissimi – ma la considero la mia casa: lo so da sempre, questi giorni di isolamento lontanto da lì me lo sta confermando. Sono innamorato della nostra terra, della nostra gente, delle nostre valli, delle nostre storie, dei nostri cibi e vini, e quando mi capita di incontrare qualche piacentino in giro per il mondo o di ascoltare qualcosa che riguarda Piacenza ho ogni volta una sensazione precisa, profonda, speciale: è solidarietà, è empatia, è consuetudine, è casa. Ecco perché oggi mi sento di dirvi: resistiamo. Quando tutto questo sarà passato – perché passerà – ci sentiremo più forti e sono certo che riscopriremo la bellezza di un caffè con un amico, di una passeggiata (anche senza il cane), di un po’ di sport, persino di portare i nostri figli a scuola (e secondo me anche loro di andarci). Oggi però stiamo uniti e, ve lo chiedo per favore, dalla meravigliosa Val Trebbia ,agli stupendi paesi dell’alta valnure ,alla val d’arda sino alla mia amata Val Tidone: restate a casa! In fondo siamo una generazione fortunata. È la prima volta che ci viene chiesto uno sforzo così per il bene collettivo, è la prima guerra contro un nemico comune (e invisibile)che dobbiamo combattere. Ai nostri nonni è andata molto peggio, hanno combattuto una o due guerre dalle trincee o essendo deportati, noi possiamo – dobbiamo – combattere stando seduti sul nostro divano. Non voglio farla facile, ma sono convinto che non dobbiamo lamentarci troppo e che quando tutto passerà saremo persone migliori.
Vi sono vicino, forza mia adorata Piacenza!».