Dybala: «Sono felice in un club che mi ha trattato bene»

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Paulo Dybala, numero dieci della Juve, è stato a lungo intervistato dal The Guardian parlando di vari argomenti tra cui anche il rapporto con i bianconeri, Cristiano Ronaldo e non solo.

FUTURO JUVE – «Mi restano due anni per il mio contratto. Non è poco ma non è neanche lungo. Vedremo quali sono i piani della Juventus, se pensano che potrei partire nel prossimo mercato o se vogliono che io rimanga. Questa è una decisione che il club deve prendere. È difficile sapere perché le cose cambiano in un secondo. Ma sono qui, in un club che mi ha trattato bene; Sono felice, a mio agio. L’arrivo di Sarri ha aiutato. Voleva che restassi, il che mi ha dato la forza quando non sapevamo cosa sarebbe successo. Sapevo che poteva insegnarmi, aiutarmi a tirar fuori il meglio di me stesso»

MESSI E CR7 – «Sono l’unico giocatore che condivide uno spogliatoio con entrambi e la gente vede solo la punta dell’iceberg, non il lavoro sottostante; non hanno vinto tutto ciò che hanno vinto perché sono stati fortunati. E sì, so che la gente deve chiedere ma devono sapere cosa sto per dire. Chi è meglio? Non posso rispondere»

L’ESULTANZA«​Succedono cose brutte, a me oa chiunque, ai momenti difficili della vita, ma devi andare avanti: indossa la maschera come fanno i gladiatori e combatti. Ogni battaglia. Questa è stata l’idea che ho provato a trasmettere con la Mask. Alla gente piaceva, lo capiva. E questo è piacevole perché i messaggi che invii non sono sempre interpretati come desideri»

IL NONNO POLACCO«​Mi piacerebbe andare, anche se non è rimasta famiglia. È un posto minuscolo, otto o nove case. Alcuni giornalisti polacchi mi hanno messo in contatto con la figlia di mio nonno ma è morta. Ci sono cugini in Canada e abbiamo parlato ma non ci siamo mai incontrati. Voglio. Ho cercato di ottenere un passaporto polacco, ma non siamo riusciti a trovare alcuni documenti di mio nonno e abbiamo ottenuto invece passaporti italiani da parte di mia madre. Un giorno lo farò. Mi sento forse più polacco che italiano. Per quanto riguarda la personalità, mio ​​padre era più polacco; mio fratello di mezzo, esattamente lo stesso. Tutti noi, un po ‘. Forse un po ‘più freddo, sangue polacco. Gli italiani tendono ad essere più emotivi»

SUL PADRE – «​Ero giovane ed è stato molto difficile. Mia madre ha sofferto molto, anche i miei fratelli. Vedi il dolore ma continui. Non sono il primo a passare attraverso quello e non sarà l’ultimo. Purtroppo, questo è il cerchio della vita. Ora abbiamo qualcuno che ci aiuta dall’alto»

IL PALERMO – «Ne ero completamente convinto. Sulla questione diritti? Alla fine le cose sono venute alla luce. Ci sono ancora alcune persone con problemi legali in Argentina. Il calcio è diventato un grande affare. Siamo dentro ma per la maggior parte del tempo non puoi fare nulla. Ero molto giovane. Ma sono stato molto contento. Dalla seconda divisione alla Serie A è stato un cambiamento enorme, ma ero convinto. La mia famiglia è arrivata e l’avventura è iniziata a Palermo. Il primo anno non è andato bene. Era tutto nuovo e in verità era un camerino difficile; una squadra più anziana che era difficile quando le cose andavano male. Stavamo lottando, i risultati erano cattivi. Ero un bambino, vedevo molte cose. Ora sono grato perché l’esperienza è diventata una lezione. Qui, alla Juventus, “vinci sempre”, giusto? Va tutto bene. È stato il contrario, ma la seconda stagione è stata grandiosa. Abbiamo vinto la seconda divisione e personalmente è stato bello»

L’OMBRA DI SIVORI«Se ci credi, ti pesa. Ma ho sempre detto che non volevo essere il nuovo niente, voglio che la gente dica che i miei obiettivi, le mie mosse sono “alla Dybala”, non nessuno altro. Messi, Sívori e Agüero hanno vinto cose incredibili. Volevo vincere le mie cose, non le loro. Ci sono state critiche perché sono stati dati 8 milioni di euro per un diciassettenne, il loro trasferimento più alto di sempre. Sono partito per 40 milioni di euro e quando sono arrivato qui, la prima cosa che mi hanno chiesto è stata la tassa. Pensi al prezzo pagato ora? Non voglio immaginare la pressione che i giocatori hanno adesso. Ciò mi ha aiutato in un certo senso: allora ho iniziato a rilassarmi, visto che non potevo concentrarmi su quello»

Condividi