Connettiti con noi

Hanno Detto

Barrenechea: «L’infortunio al crociato e il difficile rientro: vi dico tutto»

Pubblicato

su

Enzo Barrenechea, centrocampista della Juventus U23, si è raccontato in un’intervista ai canali ufficiali bianconeri

In un’intervista ai canali ufficiali della Juventus, Enzo Barrenechea si è raccontato così. Le dichiarazioni del centrocampista argentino della formazione U23.

CALCIO – «Per me è sempre stata una passione. Quando ero piccolo giocavo per la strada, assieme ai miei amici. Quando avevo otto anni ci siamo trasferiti a Villa Marìa per via di mio padre. Lì ho iniziato a giocare a calcio. A tredici anni, durante un torneo locale, vengono notato dagli scout del Newell’s e ho iniziato poi a giocare per loro».

INIZI ALLA JUVE – «Mi ricordo che alla fine di febbraio c’è stato un picco di contagi e per questo l’ambientamento non è stato dei più semplici. Poi ho iniziato la mia seconda stagione alla Juventus con mister Bonatti. All’inizio ho fatto un po’ di fatica ma è stata una grande stagione».

INFORTUNIO – «Non lo dimenticherò mai. Giocavamo contro il Genoa e all’inizio del secondo tempo mi rompo il legamento crociato anteriore. Quando ho saputo che si trattava di quello mi è caduto il mondo addosso. Dopo l’operazione sono stato cinque giorni in Austria, poi mi hanno dimesso e sono tornato a Torino. Mi avevano detto che per recuperare avrei dovuto fare quattro mesi al J Medical e quattro a Vinovo. Dopo cinque mi hanno detto che il recupero procedeva bene. E’ stato bello poter ritrovare i miei compagni».