Fiorentina Primavera, Bigica: «Ora Juventus leggermente favorita»

© foto www.imagephotoagency.it

Fiorentina Primavera, Bigica: «Ora Juventus leggermente favorita». Le parole del tecnico viola dopo il pareggio del Franchi

Emiliano Bigica, allenatore della Fiorentina Primavera, ha parlato in conferenza stampa dopo il match con la Juve Primavera. Le sue parole così come riportate da da violanews.com.

MATCH – «Penso che la squadra abbia avuto un buon approccio alla partita e giocato con personalità. Il gol subìto è arrivato su una palla persa nostra, ma non ci siamo persi d’animo e nel secondo tempo oltre al pareggio abbiamo avuto tre-quattro situazioni in ripartenza per portare a casa la meritata vittoria. Ora le percentuali di qualificazione sono 51-49 per loro, il ritorno sarà una partita aperta e dove ci giochiamo tanto perché vogliamo difendere in tutti i modi il trofeo vinto l’anno scorso».

PUBBLICO – «Ci saremmo aspettati più gente, sicuramente l’orario e il giorno infrasettimanale non aiutano, di sicuro non posso che ringraziare la società per la possibilità e i ragazzi che hanno sempre onorato lo stadio».

FIORINI – «Prestazione altalenante, un giocatore come lui e con la sua esperienza dovrebbe gestire meglio le situazioni, come sul gol subìto; può fare di più e gli chiedo di più, a fine anno è tutta esperienza che gli farà bene per la sua crescita. Dobbiamo migliorare negli ultimi venti metri, abbiamo cinque-sei occasioni a partita ma purtroppo vincono gli altri».

DALLE MURA – «È pulito in costruzione, lo vorrei più ignorante in fase difensiva, se impara ad esserlo, come lo è Dutu, penso che siamo di fronte a un giocatore di livello. Sul gol doveva uscire un po’ prima, in quel caso l’ignoranza se l’è dimenticata a casa».

DOPPIO ATTACCANTE – «Può essere una soluzione per la gara di ritorno, ma prima ci sono due partite di campionato importante e dobbiamo riprendere a fare punti, altrimenti andiamo nella sabbie mobili».

COMMISSO – «Non mi aspettavo venisse: mi ha fatto piacere! Persona che trasmette passione; speriamo di avergli regalato un un bello spettacolo».