Gravina su Commisso: «Nessuna sanzione ma non è giustificabile»

© foto www.imagephotoagency.it

Gabriele Gravina, presidente della FIGC, è intervenuto a Milano durante l’evento “United for the Heart” parlando delle polemiche di Rocco Commisso, presidente della Fiorentina, dopo la gara contro la Juve.

STOP ALLE POLEMICHE? – «il calcio deve riacquistare la sua serenità, sia nelle espressioni che nei giudizi. Io vorrei concentrarmi su questa serata, dove lo sport dimostra una grande sensibilità nel valorizzare il concetto di responsabilità sociale. E’ uno dei momenti di massima espressione dove riusciamo a essere uniti e dobbiamo prendere spunto da questi eventi per ritrovare l’unità anche nel calcio giocato».

SULLA RISPOSTA DI NICCHI A COMMISSO«Non entro nel merito di diatribe personali. Al presidente Commisso, che ho incontrato stamattina, ho detto che l’arbitro può sbagliare, ma io difenderò sempre l’istituzione perché solo in questo modo diamo affidabilità al mondo del calcio, se viene meno il concetto di garanzia, viene meno anche il concetto di calcio e sport. Eviterei polemiche sterili perchè i botta e risposte non fanno bene al mondo del calcio e non fa bene ad esasperare gli animi Commisso, noi come istituzioni dobbiamo mantenere il profilo basso»

LA REAZIONE DI COMMISSO – «Sono stato a colazione con lui ed è stata serena. Dobbiamo comunicare in modo corretto i principi e le regole, serve un rispetto reciproco e l’ho garantito a Commisso e vale per tutti i coloro che vivono il mondo del calcio. Questo sfogo è legittimo ma non condivisibile. In un momento di grande criticità, ci possono essere anche reazioni di questo tipo che però non sono giustificabili vista l’alzata di toni successiva»

SULLE SANZIONI – “No, non è il momento”.

Condividi