Connettiti con noi

Calciomercato Juve

Colino (AS): «Dybala all’Atletico Madrid: ecco tutta la verità» – ESCLUSIVA

Pubblicato

su

Jesus Colino, giornalista di AS esperto di Atletico Madrid, ha parlato in esclusiva a Juventusnews24. Le sue parole

Gli intrecci tra Juve e Atletico Madrid si fanno sempre più fitti. Non c’è solo il riscatto di Alvaro Morata in ballo: sull’asse tra i bianconeri e gli spagnoli si sono aggiunti anche Paulo Dybala (il continuo slittamento dell’incontro per il rinnovo ha acceso l’interesse dei Colchoneros) e Renan Lodi, obiettivo a sinistra. In esclusiva a Juventusnews24, Jesus Colino, inviato sull’Atletico Madrid per il quotidiano spagnolo AS, ha inquadrato tutte le varie situazioni.

Sono vere le voci dell’interessamento dell’Atletico Madrid per Dybala? C’è già stato qualche contatto tra il club e il suo agente?

«Sì, Dybala è un calciatore che piace da anni all’Atletico, sia al direttore sportivo Andrea Berta e sia al tecnico Simeone. Adesso l’argentino appare come una buona opportunità di mercato, visto che tra qualche mese sarà libero. È per questo che si è parlato con l’entourage dell’attaccante, anche se l’Atletico Madrid non ha l’urgenza di Dybala. Interessa sì, ma non è un obbligo».

Come viene vissuta in Spagna questa situazione legata al mancato rinnovo dell’argentino? Ci sono altri club interessati a lui in Liga?

«Mi sorprende che Dybala, un calciatore di altissimo livello, non abbia ancora definito il suo futuro per la prossima stagione. Tuttavia, non credo che altri club diversi da Real Madrid e Barcellona possano soddisfare le sue richieste. Inoltre, nessuna delle due è mai stata collegata a lui».

Da un attaccante ad un altro: Alvaro Morata. Ci sono novità sull’asse Torino-Madrid circa il riscatto dello spagnolo?

«Morata non vuole tornare all’Atletico e l’Atletico non vuole che Morata ritorni. La Juventus, poi, non intende pagare i 35 milioni di euro pattuiti per il riscatto. I club parleranno, ma i Colchoneros pensano di poter trovare più acquirenti per lui. Morata è l’attaccante della Spagna e ha pretendenti».

Sguardo in casa Atletico. Renan Lodi è un obiettivo concreto per la difesa della Juve?

«Renan Lodi è un calciatore che sta attraversando un periodo difficile. Nelle ultime settimane è stato importante ed è tornato su buoni livelli, ma nel precedente anno e mezzo ha avuto difficoltà a giocare. Per questo motivo, può pensare che sia meglio andare in una squadra dove ha più opportunità. Non so se la Juventus gli garantirebbe questa possibilità».

E Suarez invece? Può andare via a giugno e, in quel caso, l’Italia è un’opportunità?

«Il contratto di Suarez termina a giugno e tutto porta all’addio da Madrid. È un grande goleador e un calciatore dal carattere vincente. Il suo arrivo è stato apprezzato nello spogliatoio fin dai primi giorni ed è stata una voce ascoltata dai compagni. Luis è stato molto vicino a giocare in Italia quando ha lasciato il Barcellona e sicuramente può essere un’opportunità interessante per lui. Anche lui, comunque, avrà molte pretendenti».

Chi ha sfiorato la Juve, Suarez, chi invece alla Juve è approdato, Dusan Vlahovic. Ci racconti quella trattativa poi saltato tra il serbo e l’Atletico? Cos’è successo la scorsa estate?

«L’Atletico aveva bisogno di un attaccante in grado di segnare tanto e a Berta piaceva molto Vlahovic, ma quando ha chiesto alla Fiorentina ha scoperto che era una trattativa impossibile. Inoltre, la dirigenza spagnola ha anche capito che molto probabilmente Vlahovic sarebbe finito alla Juventus, così come si è poi verificato».

L’Atletico è prossimo a sfidare il Manchester United in Champions League, nel ritorno degli ottavi di finale. Come hai visto Ronaldo quest’anno, grande ‘rivale’ dei Colchoneros, dopo l’addio alla Juventus?

«Cristiano è uno dei calciatori più importanti nella storia della Champions e, inoltre, ha fatto molto male all’Atletico in tante partite. Per questo motivo il rispetto è massimo. Il portoghese sembra non essere nel suo miglior momento ma è un vincitore e diventa gigante nelle grandi notti. È il più grande pericolo per l’Atletico».