Juve-Lazio, quanti ricordi: come quella punizione di Del Piero!

del piero
© foto www.imagephotoagency.it

Nella stagione 2011/2012, una rete di Del Piero contro i biancocelesti spianò la strada alla Juventus verso il trentesimo scudetto

Nell’ultimo ventennio la gara tra Juventus e Lazio ha rappresentato in alcuni casi una sfida scudetto (vedi la stagione 1999/2000), mentre in altri l’ostacolo biancoceleste è stato uno degli ultimi che i bianconeri hanno dovuto sormontare per inseguire il tricolore. E di questa seconda “gamma” di partite, i tifosi bianconeri ne ricorderanno senz’altro una, risalente all’11 aprile 2012.

QUANDO CONTA, LA METTE ALEX – Per difendere la vetta della classifica conquistata quattro giorni prima grazie alla vittoria di Palermo, infatti, la Juventus ospita allo Juventus Stadium la Lazio in un ambiente colmo di tifosi bianconeri pronti a condurre la Signora al tricolore dopo alcuni anni di amarezza e delusione. La gara si sblocca subito grazie a Simone Pepe il quale, sfruttando un pregevole assist di Andrea Pirlo, realizza la rete dell’1-0 in mezza rovesciata. Verso la fine della prima frazione e dopo che il portiere biancoceleste Federico Marchetti aveva negato più volte il raddoppio juventino, tuttavia, arriva il pareggio di Stefano Mauri che costringe la Juventus a ricominciare tutto da capo. Con il trascorrere dei minuti il parziale non si schioda dall’1-1 ed il tecnico Antonio Conte sceglie di giocarsi la carta Del Piero e mai nessuna mossa fu così azzeccata: Pinturicchio, infatti, cambia volto ai bianconeri e, a cinque giri d’orologio dal termine, trasforma – come soltanto lui avrebbe saputo fare – un calcio di punizione dalla distanza, beffando Marchetti sul suo palo e siglando quindi la definitiva rete del 2-1. Lo Juventus Stadium esplode e si inchina ai piedi del suo capitano che, soltanto un mese dopo, avrebbe lasciato la sua Signora tra le lacrime di tutti i tifosi bianconeri.

Articolo precedente
Rassegna Bianconera di venerdì 13 ottobre 2017
Prossimo articolo
milinkovic-savicMilinkovic, ma quanto sei forte? Kezman racconta la sua evoluzione