Juve-Verona, da Bettega a Ronaldo: quando la rimonta è bianconera

Iscriviti
© foto Mg Verona 08/02/2020 - campionato di calcio serie A / Hellas Verona-Juventus / foto Matteo Gribaudi/Image Sport nella foto: Cristiano Ronaldo-Amir Rrahmani

Domenica prossima Juventus-Verona. La storia della sfida è costellata di rimonte bianconere

L’Hellas Verona ha vinto l’ultimo confronto in assoluto contro la Juve (2-1 a Verona a Febbraio), ma ha sempre perso nelle ultime 13 trasferte con la formazione bianconera. C’è di più: la Juventus non ha perso nessuno dei 29 precedenti casalinghi giocati in Serie A contro l’Hellas Verona sono 25 vittorie bianconere (inclusi tutti gli ultimi 12 confronti a Torino) e r pareggi; tra le squadre attualmente nella competizione, quella gialloblù ora allenata da mister Ivan Juric è quella affrontata più volte in casa dai bianconeri senza mai perdere. La Juventus è andata a segno in tutte le ultime 14 gare di Serie A contro l’Hellas Verona e alcune di queste sfide, tra cui l’ultima, sono state vinte dalla Juventus in rimonta. Juve-Hellas infatti è anche una storia di rimonta. In 29 precedenti, la Juve ha vinto rimontando lo svantaggio, in un caso anche doppio, in ben 6 occasioni.

Juve-Verona: storia di rimonte. Bettega sigla la prima, Cabrini allo scadere

Nonostante gli ottimi risultati interni, i veronesi si sono rivelati spesso e volentieri avversario ostico per la Juventus. La prima è datata 1978. Roboante vittoria bianconera con il punteggio di 6-2. Il gol di Calloni dopo 7 minuti scatena la risposta della Juventus che trova il pari dopo 7 minuti con Virdis. Poi Bettega (doppietta), Causio, Benetti, ancora Virdis siglano il punteggio sul 6-1 prima della doppietta del veronese Calloni che chiude il match sul 6-2. La seconda rimonta è datata 4 gennaio 1987: il Verona di Bagnoli che un paio di anni prima aveva vinto il suo primo e sin qui unico Scudetto andò in vantaggio con il gol di Elker. La Juventus allenata da Marchesi trovò la forza di ribaltare il match con i gol di Manfredonia prima e di Cabrini poi, quest’ultimo a 2′ dalla fine. Un anno più tardi è ancora rimonta bianconera.

Juve-Verona: storia di rimonte. Del Piero risponde a Pippo Maniero

Nel 1990 la Juventus si ritrova ancora una volta in svantaggio contro il Verona. E’ Iorio a portare in vantaggio i veneti con un gol al 29′ minuto. La reazione della Juve è immediata: ci pensa Giancarlo Marocchi a segnare il gol dell’1-1 dopo nemmeno un minuto. Per il gol del 2-1 bisogna attendere: decisivo Totò Schiallaci con un gol a 7 minuti dalla fine della partita. Altro giro e altra rimonta. Stavolta storica. Nel 1996 il Verona disputa un grandissimo primo tempo contro la Juventus allenata da Marcello Lippi. La formazione scaligera guidata da Gigi Cagni trova il doppio vantaggio con la doppietta di Pippo Maniero ai minuti 24 e 44. La Juve però reagisce prima dell’intervallo con il gol del difensore Sergio Porrini in pieno recupero. Nella ripresa bianconeri sul 2-2 con Alex Del Piero che trasforma prima un calcio di rigore e poi si inventa un gol dei suoi per il 3-2 definitivo.

Juve-Verona: storia di rimonte. Da Cacciatore-Tevez a Cristiano Ronaldo

Juve-Verona è storia di rimonte anche recenti. Nel 2013 la Juventus di Antonio Conte si ritrova sotto di un gol, siglato dal difensore Cacciatore. I bianconeri, in campo con il 3-5-2 e con la coppia d’attacco Carlos TevezFernando Llorente, trovano il gol dell’1-1 ad appena 4 minuti dal gol di Cacciatore: il Verona va in vantaggio al 36′, al 40′ il pareggio firmato da Carlitos. L’Apache guida l’attacco ma il 2-1 arriva con il gol del suo partner offensivo Fernando Llorente. Rete del definitivo sorpasso nel recupero del primo tempo. Come detto, anche lo scorso anno ci fu una rimonta bianconera. Miguel Veloso, con un grandissimo tiro all’incrocio, beffò Buffon per lo 0-1 dei veronesi. Juve in parità con il 1° gol di Aaron Ramsey: destro da fuori deviato e palla in rete per l’1-1. A segnare il gol del definitivo sorpasso Cristiano Ronaldo su calcio di rigore, al minuto 49.

LEGGI ANCHE: Quarta maglia Juve: esordio contro il Verona. Utilizzata anche in un’altra gara

Condividi