Connettiti con noi

Lavagna Tattica

LAVAGNA TATTICA – Juve e Nazionale devono sfruttare meglio Chiesa

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Chiesa non sta vivendo il suo miglior momento né alla Juve né in Nazionale. Le due squadre non lo stanno però aiutando

 

L’anno scorso abbiamo visto l’esplosione di Chiesa. L’italiano aveva il grandissimo merito di fare cose strepitose nonostante un contesto problematico attorno a lui. Creava situazioni pericolose dal nulla, da solo, con azioni individuali molto difficili. Bastava allargare palla su di lui per generare qualcosa. Ciò lo si è visto tanto (anzi, soprattutto) alla Juve quanto in Nazionale. Ci sono molti esempi: l’assist per Ronaldo contro il Napoli, in cui dal nulla salta due giocatori, o la grande partita in finale contro l’Inghilterra. Insomma, una capacità di incidere a prescindere dal contesto e dalla squadra. Qualità tutt’altro che scontata per un calciatore giovane alla prima esperienza in una big.

Negli ultimi mesi, l’italiano sembra invece un pochino meno incisivo. Genera meno occasioni e si ha meno la sensazione del pericolo costante. Vediamo diverse partite in cui nel complesso si vede abbastanza poco. Non si può però chiedergli di fare sempre una prestazione sovrumana per incidere. Ne è un esempio la partita contro l’Italia del Nord: gli azzurri hanno sfruttato malissimo la fascia sinistra. Raramente sono riusciti a isolare Chiesa sul lato debole o a lanciarlo in profondità. Quando la palla arrivava (lentamente) a sinistra, di solito Chiesa era già triplicato e in inferiorità numerica contro la linea irlandese. È un peccato avere una freccia così nel proprio arco e non trovare il modo di sfruttarla a pieno. Anche con la maglia bainconera le cose non stanno andando meglio. La palla gira troppo lentamente e non riesce a servire gli esterni in corsa, con Chiesa che quindi raramente viene inenscato in situazioni pericolose. Sia Juve che Nazionale devono trovare più il modo per esaltarlo. Chiesa forse non starà attraversando il suo miglior momento, ma non ci sono neanche squadre in grado di rendergli la vita più semplice.