Connettiti con noi

Lavagna Tattica

LAVAGNA TATTICA – Le chiavi di Juve Sassuolo: occhio all’esperimento Arthur

Pubblicato

su

La Juve non può sbagliare contro il Sassuolo. Allegri potrebbe sperimentare Arthur mezzala insieme a Locatelli

La Juve inizia con il Sassuolo un filotto meno complicato rispetto alle settimane precedenti. La speranza è quella di arrivare a Natale molto più vicini di oggi alla vetta. I neroverdi sono una squadra abbastanza diversa rispetto al ciclo con De Zerbi. Pur continuando ad avere diverse soluzioni in fase di possesso, il Sassuolo è più diretto e meno dominante con la palla. Accetta di difendersi più in basso (ha numeri piuttosto bassi nel pressing offensivo) ed ha un gioco più diretto. Anche a causa della partenza di Locatelli, ha un palleggio arretrato più verticale e meno prolungato. Si cerca più rapidamente di arrivare alle punte, sfruttando la fisicità di Scamacca: già questa è una grande differenza rispetto al passato, visto che De Zerbi rinunciava a centravanti più “classico”. Da quel che si dice, l’esperimento più interessante della Juve di questa sera dovrebbe consistere nella presenza di Arthur insieme a Locatelli. Nella conferenza di ieri, Allegri ha parlato di utilizzare il brasiliano come mezzala di regia, nell’esatto modo in cui avveniva a Barcellona.

 

Questa soluzione è interessante non solo perché sembra la veste migliore per il giocatore, ma anche perché è una novità rispetto al calcio che Allegri ha sempre fatto vedere. Il tecnico toscano ha prediletto mezzali più atletiche, giocatori meno di palleggio e più di corsa e inserimento. Mezzali in grado di coprire ampie porzioni di campo, anche in ampiezza, e di attaccare l’area di rigore nei cross. Tutte cose che ovviamente non appartengono al gioco di Arthur, che invece ha bisogno di una squadra più dominante nel possesso e in grado di palleggiare sul corto. Insomma, sarà un buon test per valutare le potenzialità del brasiliano in questa squadra.